Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866 in CODEX
Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866
Trovati 5 records. Pagina 1 di 11
Responsabile descrizione interna CODEX

Cortona (Arezzo), Biblioteca Comunale e dell'Accademia Etrusca, 51

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XII med. data stimata
membr.
ff. I, 110, II', la cartulazione moderna giunge fino a 11, comprendendo anche il foglio finale di guardia; fascicoli 1-8 (8), 9 (6), 10-14 (8): manca il bifolio centrale del fasc. 9, tra i ff. 67-68;
Dimensioni: 280 × 196; specchio di scrittura: 16 [219] 45 × 13/5 [67 (8) 68] 5/30; rr. 41/ll. 41.

Decorato
Iniziali decorate
Rubricato

Legatura moderna restaurata.
Stato di conservazione : alcuni fogli presentano macchie di umidità che ne compromettono la lettura.

Ente possessore Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM; Razzuolo (Borgo San Lorenzo), S. Paolo, Badia OSBCVU (ante post XIII); Razzuolo (Borgo San Lorenzo), S. Paolo, Badia OSBCVU
Nomi Franciscus prior, possessore (a. 1347)
Precedenti segnature 22, Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM (sec. XVIII)
Storia del manoscritto A f. 16v nota di possesso: Iste est liber Ragelensis; ancora a f. 110v: Liber monasterii Sancti Pauli de Racelo. Sit laus et honor; le due note del sec. XIII si riferiscono all'abbazia Vallombrosana di Raggiolo (Arezzo). A f. 1r con scrittura molto svanita: Iste liber est domini Francisci Monachi (sec. XIV; la mano non sembra unificabile con quella del 'Francesco priore' che compare in fine ma le possibilità di accertamento sono limitate).
A f. 8v, sul margine inferiore, nota di possesso di incerta cronologia: Iste est liber domini Ugonis. Altre note di possesso erase a f. 110v: [...] Domino Francisco priori de [...] M° CCC° XLVII; più sotto: Hunc librum emi ego Iacobus LX [...] ab Antonio Magistri Petri [...] (sec. XV). A f. 1r, in alto, semirifilato: n° 22 (sec. XVIII); a f. I'r: N. 10 (sec. XIX) e l'indice del contenuto.
Il codice appartenne al convento di S. Margherita di Cortona; esso è, infatti, identificabile nel lemma nr. 12 dell'Inventario ottocentesco del convento (vd. Nuovo_Codex - Materiali in linea / Cortona, anche per la Tavola delle precedenti segnature della sede).
Bibliografia Mancini Manoscritti di Cortona (1884), p. 33; Mazzatinti Inventari (1911), XVIII p. 31; BHMs (1969), II p. 49; Mss. med. Cortona (AR) (2011), pp. 45-6 scheda 51, tav. LIX

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. ff. 52vb-77rb Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Enarratio in Cantica canticorum
text. inc. Salomon inspiratus divino spirito composuit hunc libellum de nupciis Christi et Ecclesiae
Note
Il testo è lacunoso.

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

Risorse esterne collegate
Cortona (Arezzo), BCAE 51, f. 15r
Cortona (Arezzo), BCAE 51, f. 1r
Cortona (Arezzo), BCAE 51, f. 42v
Cortona (Arezzo), BCAE 51, f. 77r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/cortona-(arezzo)-biblioteca-comunale-e-dell-accade/201847

Responsabile descrizione interna CODEX

Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Calci 28

Composito

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni


membr.
ff. II, 137, I', cartulazione recente a matita; i ff. I e I' sono cartacei moderni; il f. II è pergamenaceo di recupero

Legatura recente

Ente possessore Calci (Pisa), S. Maria e S. Giovanni Evangelista, certosa OCart
Precedenti segnature 28, Calci (Pisa), S. Maria e S. Giovanni Evangelista, certosa OCart; 32, Calci (Pisa), S. Maria e S. Giovanni Evangelista, certosa OCart
Storia del manoscritto Il codice è composto da tre sezioni, di cui le prime due, coeve, sono state vergate della stessa mano e presentano la stessa mise en page. Le tre sezioni sono state rilegate insieme in epoca antica, come si evince dalle tre note a f. IIv, databili al sec. XV (di mani diverse), che elencano il contenuto di tutta la compagine.
La parte superiore di f. II è stata tagliata, probabilmente riportava una nota di possesso della quale rimane leggibile soltanto de Pisis.
Sul dorso della coperta etichetta con indicazione del contenuto del codice.
A f. Iv a inchiostro Numero .28. del 1200. Codice assai buono (sec. XVIII) e più in basso, stessa mano: Pronosticorum, In cantica, Sinonima: S. Isidorus. Allo stesso foglio, mano recente esegue a matita il numero 32, probabile segnatura precedente del codice.
Timbri dell'Archivio della Certosa di Calci ai ff. 1r, 41r, 70r, 74r.
Nr. d'inventario: 75868.
Bibliografia Murano, Manoscritti (1996), pp. 37, 39, 79, tav. IX

U.C. I (ff. 1-40) sec. XII ultimo quarto data stimata
membr.
ff. 40; fascicoli 1-5 (8): dell'ultimo foglio del fasc. 5 rimane soltanto la parte superiore
Dimensioni: 242 x 156; specchio di scrittura: 23 [186] 33 x 11/5 [102] 5/33; rr. 28/ll. 28, rigatura a secco

Decorato
Iniziali semplici: rosse e blu, in alcuni casi con decorazioni
Rubricato

Ente possessore Calci (Pisa), S. Maria e S. Giovanni Evangelista, certosa OCart

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

U.C. II (ff. 41-73) sec. XII ultimo quarto data stimata
membr.
ff. 33; fascicoli 1-3 (8), 4 (9): i fascicoli 1-3 presentano, insieme al richiamo, la numerazione: Q XVIII (f. 48v), Q XVIIII (f. 56v) e Q XX (f. 64v); alla fine dell'ultimo fascicolo (f. 73v), nel margine inferiore, è presente un'annotazione parzialmente erasa di cui è decifrabile soltano il numero XXI; dunque questa sezione doveva occupare la parte finale di un manoscritto composto da 21 fascicoli; l'ultimo fascicolo è costituito da quattro bifogli e un foglio, aggiunto per terminare l'opera
Dimensioni: 239 x 159; specchio di scrittura: 17 [187] 35 x 12/6 [104] 6/31; rr. 28/ll. 28

Decorato
Iniziali semplici; Iniziali decorate: a f. 41r iniziale decorata
Rubricato

numero d'ordine: I

I. ff. 41r-69r Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Enarratio in Cantica canticorum
text. inc. Salomon divino actus amore hunc edidit libellum de nuptis Christi et ecclesie
Note rielaborazione anonima

numero d'ordine: II

U.C. III (ff. 74-137) sec. XII.2 data stimata
membr.
ff. 64; fascicoli 1-8 (8): all'interno dei fascicoli sono visibili brachette dovute al fatto che alcuni fogli, tagliati nel punto della cucitura, sono stati poi ricuciti
Dimensioni: 240 x 156; specchio di scrittura: 28 [146] 66 x 11/6 [78] 7/54; rr. 28/ll. 18, rigatura a secco: in qualche caso ripassata a colore

Decorato
Iniziali semplici; Iniziali decorate: ai ff. 74r e 104v iniziali decorate; iniziali semplici rosse e azzurre
Rubricato

numero d'ordine: I

Risorse esterne collegate
Firenze, BML, Calci 28 sez. I, f. 1r
Firenze, BML, Calci 28 sez. II, f. 41r
Firenze, BML, Calci 28 sez. III, f. 104v
Firenze, BML, Calci 28 sez. III, f. 74r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/firenze-biblioteca-medicea-laurenziana-calci-28/220122

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Capitolare Feliniana, 58

Composito

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni


membr.
ff. VI, 213, III'; ff. I-III e II'-III' sono cart. di restauro non numerate; alle prime tre guardie iniziali segue, numerato I-II, un bifoglio di scarto e la guardia antica numerata III; analoga antica in fine è numerata I'.  Il f. Ira-rb presenta, interrotto, un frammento di Beda (In epistulas septem catholicas, I, I, ll. 249-292 verbo veritatis ut simus primitiae creaturarum eius .; Paulus: Iacobus Cephas et Iohannes qui videbantur; CCSL vol. 121, pp. 181-342 = CPL  nr. 1362); la scrittura è omogenea con l'insieme grafico presentato da ambedue le sezioni del manoscritto e il bifoglio I-II potrebbe essere stato destinato all'origine alla seconda sezione, che presenta la stessa opera e la stessa porzione di testo ai ff. 154ra-211ra; siamo comunque in presenza di uno scarto di bottega, dal momento che la copia si interrompe nel mezzo di una frase.
Le due guardie antiche, iniziale numerata III e finale I', sono di recupero da messale del sec. XI ex.;
Dimensioni: 345 x 253; rr. 44/ll. 44

Legatura di restauro (a. 1968, cfr. ms. BCF 545)
Stato di conservazione
Una consistente macchia di umidità ha danneggiato il margine superiore, causando, in molti fogli, perdita di testo

Ente possessore Lucca, S. Martino, capitolo della cattedrale
Storia del manoscritto Nella compagine si distinguono due sezioni, sincrone ma differenziate sia sotto il profilo decorativo che sotto il profilo codicologico, in quanto la sez. I è omogenea e regolare mentre la sez. II presenta discontinuità strutturali e grafiche che fanno pensare ad un allestimento prolungato.
A f. Iv il titolo, di mano del sec. XIV, Remigius super Apocalipsym et Beda super actu (sic) apostolorum corrisponde alla voce registrata nell'inv. del 1409 ma già in precedenza, nell'inv. del 1239 compare una voce che potrebbe riferirsi quanto meno alla sola sez. I (Item Remigium super Apocalipsi); ai ff. 1r e 211r la segnatura XXIII permette di individuare il manoscritto nell'inventario successivo, del 1498, nella forma composita attuale.
Bibliografia CCSL; CSEL; Baronius Catalogus (1757), p. 28; Guidi-Pellegrinetti, Inventari (1921), pp. 122 l. 14, 227 ll. 505-507, 274; Garrison Studies I (1953), pp. 122 n. 6, 180, tav. 259; Garrison Studies III (1957), pp. 227, 233-234, 236, 250, tavv. 260-263; Ghilarducci Il vescovo Felino (1972), p. 173 n. 30; Dalli Regoli Miniatura (1979), p. 27; Dalli Regoli Miniatura lucchese (1982), pp. 278, 288 n. 25; Dalli Regoli Testimonianze (1984), p. 107 n. 16, ill.; Dalli Regoli Maestri senza nome (1986), p. 16; Quintavalle Wiligelmo (1991), p. 589 scheda 127; Ducci Temi e motivi (1999), p. 37 n. 31; Pomaro Materiali (2014), p. 183 n.; Mss. med. LU (2015), pp. 95-97 scheda 39, tav. VIb

U.C. I (ff. 1-103) sec. XII in. data stimata
membr.
ff. 104; fascicoli 1-13 (8): nessun segno di ordinamento dei fascicolo; richiami assenti
Dimensioni: 345 x 253; specchio di scrittura: 28 [273] 44 x 13/8 [81 (19) 77] 7/48; rr. 44/ ll. 44

Scritture e mani : minuscola carolina


Decorato
Iniziali semplici: a f. 1rb
Rubricato: titoli in maiuscole di grande modulo ad inchiostro rosso; rubriche

Ente possessore Lucca, S. Martino, capitolo della cattedrale

numero d'ordine: I

I. ff. 1ra-103va Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Expositio in Apocalypsin beati Iohannis
text., f. 1rb inc. Legimus in (ae)cclesiastica istoria beatum Iohannem a Domitiano impiissimo C(ae)sare in Pathmos
Attribuzioni in rubrica Remigius Autissiodorensis monachus n. 841 ca., m. 2-5-908
Rubrica diplomatica Incipit liber expositionis Remigii eximii doctoris super Apokalypsin beati ap(ostu)li et evvangelist(ae) Iohannis
Note Il testo, preceduto dai capitoli (ff. 1ra-b), è attribuito a Remigius (scil. Autissiodorensis; attribuzione registrata anche da  Stegmüller, Repertorium biblicum, nr. 3122 = nr. 7247) 

U.C. II (ff. 105-213) sec. XI ultimo quarto data stimata
membr.
Luogo di copia Lucca (sec. XI ultimo quarto)
ff. 109; fascicoli 1-4 (8), 5 (4), 6 (19), 7-12 (8), 13 (6): richiami ai f. 120v, 128v, 136v; il fascicolo 6 è di costruzione complessa: due bifogli esterni (ff. 141/142 - 158/159) racchiudono due fascicoli, il primo di 11 ff. (un sesterno privo del foglio iniziale tra 142 e 143), il secondo un duerno regolare (ff. 154-157); questa complessa costruzione è originale, motivata da un ampliamento della compagine
Dimensioni: 356 x 255; specchio di scrittura: 26 [277] 53 x 20 [190] 55; rr. 44/ll. 44 - rr. 46/ll. 46 (var.)

Scritture e mani : minuscola carolina


Decorato: nell'apparato decorativo le lettere decorate ad intreccio in colori squillanti ai ff. 105-140 delineano un insieme omogeneo, differente dalla decorazione che segue; il f. 105v è tutto occupato dal titolo in grandi onciali miste
Iniziali semplici; Iniziali figurate; Iniziali decorate: lettere decorate ai ff. 106ra P(rimum), 108rb E(t), f. 109rb S(tans), f. 113rb P(er), 117va A, 118rb S, 122rb E(odem), 123rb V(erbum), 124va S(equenti), 129vb F(actum); iniziali figurate ai ff. 109vb V(ir), 110vb P(etrus), 111rb C(um), 114rb I(n), 116vb P(hylippus); 154ra I(acobus), 155vb O(mne), 156va E(stote); solo a penna le iniziali ai ff. 165vb T(ristatur), 166rb C(onfitemini), 167ra P(etrus), 169va D(eponentes), 171va K(arissimi), 172 vb C(hristus), 173vb I(n), 176vb E(stote), 178va H(umiliamini), 179vb S(ymon), 181ra Q(ua), 191rb Q(uod), 200ra N(olite)
Rubricato

Ente possessore Lucca, S. Martino, capitolo della cattedrale
Storia del manoscritto A f. 213, frammentario e risarcito dal restauro, due prove di penna (sec. XII) - la prima menziona una lite circa l'elezione di canonici (sono due righe erase e non ricostruibili); la seconda registra una tassazione - dovrebbero provare l'appartenenza del manoscritto al capitolo già ab antiquo.

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

Risorse esterne collegate
Lucca, BCF 58, sez. I, f. 103r
Lucca, BCF 58, sez. I, f. 1r
Lucca, BCF 58, sez. II, f. 106r
Lucca, BCF 58, sez. II, f. 109v
Lucca, BCF 58, sez. II, f. 110v
Lucca, BCF 58, sez. II, f. 169v

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-capitolare-feliniana-58/222231

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Capitolare Feliniana, 59

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

datato a. 1468 dicembre 30
vd. colophon
membr.
Luogo di copia Montecassino (Frosinone) (a. 1468)
ff. VI, 269, V', la numerazione calcola il foglio iniziale antico di guardia e il bifoglio 64-65 successivamente caduto; i fogli di guardia sono cart. di restauro, ad eccezione del f. VI membr. antico; fascicoli 1-6 (10), 7 (8), 8-26 (10), 27 (11): il foglio finale è aggiunto all'ultimo fascicolo; preventivato all'origine per ricevere la scrittura, forse è il residuo di una unità maggiore in parte con funzione di guardia; richiami orizzontali al margine interno
Dimensioni: 366 x 259; specchio di scrittura: 43 [220] 103 x 35 [68 (17) 70] 69; rr. 84/ll. 42 (f. 31r)

Scritture e mani : littera antiqua


Decorato
Iniziali decorate: l'esemplare è di lusso e presenta iniziali in foglia d'oro decorate a bianchi girari su fondo blu
Rubricato

Legatura di restauro

Sottoscritto / Colophon
A f. 269vb: Explicit tractatus sancti Remigii episcopi super epistulas omnes Beati Pauli Apostoli scriptus per me Iohannem Magistri Lamberti de Rhoda alias de Brabantia in sacro monasterio Casinensi anno domini millesimo quadringentesimo sexagesimo octavo penultima decembris.
Nomi Iohannes Lamberti de Rhoda, copista (a. 1468); Nicolaus de comitibus Sancti Donnini episcopus, possessore (sec. XV.2); Felinus Sandeus episcopus, possessore (sec. XVI in.)
Storia del manoscritto A f. VIr: Die Corporis Domini quae fuit XVIII Iunii 1500 presbiter Bernardinus de Sandonino nepos bone memorie Nicolai episcopi Lucani predecessoris mei donavit mihi hunc librum quem ex testamento sibi reliquerat episcopus et hoc fecit presentibus testibus presbitero Bartholomeo Frediani de Luca capelano meo et Ioanne de Baschenis de Brixia camerario meo et presbitero Ioanne clerico Lunensi capellano ipsius Bernardini in Plebe Decimi mense mee episcopalis. Felinus episcopus Lucensis manu propria (il vescovo Nicola Sandonnini, predecessore del Sandei, muore nel luglio 1499). 
Bibliografia Baronius Catalogus (1757), pp. 28-29; Ghilarducci Il vescovo Felino (1972), p. 176; Paoli Appunti (1979), p. 195; Mss. med. LU (2015), p. 97 scheda 40; Colli Felino Sandei (2017), p. 98 n. 9

numero d'ordine: I

I. ff. 2ra-269va Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Expositio in epistolas Pauli
prol. inc. Ab Achaia regione Graecorum a Corintho civitate metropoli scripsit apostolus Paulus
text., f. 2rb inc. Paulus servus. De nomine apostoli iam superius dictum est
Note Le epistole paoline sono nel seguente ordine: ad Romanos, ad Corinthios II, ad Thessalonicenses II, ad Thimotheum II, ad Galatas, ad Ephesios, ad Philippenses, ad Colossenses, ad Philemonem, ad Titum, ad Hebraeos. Segue a f. 270r-v la tavola finale che indica, accanto a ciascuna lettera, l'occasione liturgica di lettura.
Il testo sia in Stegmüller, Repertorium biblicum, nr. 3101-14, che in  PL 117, 361-938 e in una parte della tradizione manoscritta (ad es. BAV Vat.lat. 283) è attribuito a Remigius Autissiodorensis.

Risorse esterne collegate
Lucca, BCF 59, f. 269v
Lucca, BCF 59, f. 2r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-capitolare-feliniana-59/222232

Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, F.IV.14

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV terzo quarto data stimata
cart.
ff. VI, 237, I', ff. numerati 236 in quanto la numerazione moderna a penna ripete il nr. 131; fascicoli 1-17 (12), 18-19 (10), 20 (13): il fasc. 20, in origine un setterno, è privo del foglio finale; i fascicoli presentano segnature con un ordinamento poco seguibile e non uniforme: a volte semplice numerazione con cifre arabe dei fogli dalla prima metà del fascicolo, altre volte segnature dei fogli con lettera alfabetica o con numero romano
Dimensioni: 338 x 237 (f. 14); specchio di scrittura: 29 [242] 65 x 25 [70 (14) 71] 57 (f. 14); rr. 2/ll. 57

Decorato
Iniziali filigranate: iniziale filigranata a f. 156r; spazi riservati per le iniziali
Rubricato: solo a f. 156r

Legatura moderna

Storia del manoscritto Sul dorso la precedente segnatura della biblioteca senese: 9 F 3.
A f. Iv indice del codice (sec. XVIII). A f. IVr il numero 7, di incerto significato; sul margine inferiore di f. 1r è stato applicato un biglietto con l'indicazione del contenuto (sec. XVII).
Bibliografia Ilari La Biblioteca (1846), V p. 109; Guglielmetti Tradizione (2006), p. 232 nr. 926

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. ff. 136ra-155va Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Enarratio in Cantica canticorum
text. inc. Salomon inspiratus divino Spiritu composuit hunc libellum

numero d'ordine: III

III. ff. 156ra-236vb Haimo Autissiodorensis monachus m. 865/866, Expositio in Apocalypsin beati Iohannis
prol. inc. Legimus in Ecclesiastica istoria beatum Iohannem a Domiciano
text., f. 156rb inc. Apocalypsis -- Planior esset sensus si dixisset adiuncto verbo
Attribuzioni in rubrica Remigius Autissiodorensis monachus n. 841 ca., m. 2-5-908
Note Segue un breve testo sui segni dell'Apocalisse.

Risorse esterne collegate
Siena, BCI F.IV.14, f. 135r
Siena, BCI F.IV.14, f. 135v
Siena, BCI F.IV.14, f. 1r
Siena, BCI F.IV.14, f. 236v

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-f-iv-14/219604

Trovati 5 records. Pagina 1 di 11

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

Se disabiliti questi cookies non sarai in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che tutte le volte che visualizzi www.mirabileweb.it dovrai impostare nuovamente le impostazioni cookies. (Non consigliato)

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy