Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Lombardus a Serico n. saec. XIV ante med., m. 11-8-1390 in CODEX
Lombardus a Serico n. saec. XIV ante med., m. 11-8-1390
Trovati 4 records. Pagina 1 di 11
Responsabile descrizione interna CODEX

Firenze, Accademia Toscana di Scienze e Lettere «La Colombaria», 108

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV ultimo quarto data stimata
membr.
ff. V, 247, IV', numerazione moderna a matita nell'angolo inferiore interno; tracce dell'antica numerazione nell'angolo superiore esterno; ff. I-III e II'-IV' cart. mod.; fascicoli 1-24 (10), 25 (7): richiami centrati orizzontali; i fascicoli recano tracce, nell'angolo inferiore esterno, dell'antica numerazione interna per lettera alfabetica e cifre arabe; il fascicolo inizia con il lato carne
Dimensioni: 341 x 230; specchio di scrittura: 26 [234] 81 x 22 [66 (15) 67] 60; rr. 40/ll. 39
Lingua copisti volgare italiano

Presenza di note
Rare note marginali di mano del copista


Decorato
fascia decorativa: al f. 1r decorazione a bianchi girari lungo il perimetro del foglio; sul lato esterno medaglione con la lupa che allatta Romolo e Remo, nel margine inferiore stemma dei Pandolfini retto da due putti alati
Rubricato

Legatura di restauro con recupero del dorso settecentesco

Stemma
Nomi Pierfilippo Pandolfini, possessore e interventi di (sec. XV ex.)
Storia del manoscritto L'indice al f. Iv è di mano di Pierfilippo Pandolfini.
Precedenti segnature: Colomb. 91; B.1; II.II.II.6; 240.
Bibliografia Dorini Inventario (1914), p. 310; Kristeller Iter Italicum (1963), I p. 227; La Colombaria 1735-1985 (1985), p. 77; Cataldi Palau, Biblioteca (1988), pp. 305-306; Codici latini del Petrarca (1991), pp. 247-248; De Robertis Fondo Pandolfini (1993), p. 275

numero d'ordine: I

Risorse esterne collegate
Firenze, Colombaria 108, f. 1r
Firenze, Colombaria 108, f. 247r
Firenze, Colombaria 108, f. 2r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/firenze-accademia-toscana-di-scienze-e-lettere-la-/224284

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Capitolare Feliniana, 555

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XVI in. data stimata
cart.
in folio
ff. II, 474, I', la numerazione originale, di mano di Felino, non calcola un foglio, bianco, tra 52 e 53; i ff. I e I', membr., sono di recupero da uno stesso ms. del sec. XIV con testo di natura storico-mitologica; fascicoli 1-14 (10), 15 (8), 16-45 (10), 46 (6), 47-48 (10): richiami verticali; il fasc. 6 (ff. 448-453) è stato risistemato da Felino: è un ternione con i due ultimi fogli, 452-453, non solidali, incollati
Dimensioni: 290 x 212; specchio di scrittura: 29 [197] 64 x 32 [123] 57; rr. 28/ll. 28, rigatura a secco

Scritture e mani : italica


Rubricato

Legatura antica in assi con dorso rifatto

Nomi Felinus Sandeus episcopus, possessore e interventi di (sec. XVI in.)
Storia del manoscritto La grossa miscellanea, sostanzialmente di mano unica, risulta molto utilizzata da Felino nella parte finale, dove certo a lui si deve l'inserimento dei due fogli (di mano diversa) con il testo nr. 9.
A f. IIr accanto alla tavola, originaria, Felino verga riferimenti a libri, probabilmente in suo possesso, vergati dal fratello Ludovico.
Al f. 52v compare, trascritto dall'antigrafo, il seguente colophon: Anno incarnati verbi millesimo LII dum proficisceretur Romam Odalricus sanctae Remensis ecclesiae praepositus et canonicus detulit authenticum horum infrascriptorum quatuor librorum secum deditque sancto Martino ecclesiae Lucanae auro argento et sculpto ebore recentissime coopertum. In quo videlicet ebore hi versus habentur: Mucro secat chlamidem, Martinus vestit egentem, / indutum chlamyde se Christus monstrat eadem. / Poscit Odalricus pro munere codicis huius / Martini precibus sancti conscribier unus. Questo colophon risale al ms. donato nel 1052 al Capitolo lucchese da Odalrico, prevosto della Chiesa di Reims (dono registrato nel BCF 618; cfr. sia la scheda del ms. che de Gaiffier in bibl.), che conteneva l'insieme dei testi sulpiciani noto come Libellus sancti Martini (qui i testi 1-6). Il prezioso dono, da tempo disperso, potrebbe aver lasciato ab antiquo la sede lucchese, vista la diffusione e la localizzazione dei suoi apografi, seguibili grazie al colophon (elenco in Peebles, cfr. in bibl.); dunque solo un'edizione critica potrà appurare il rapporto tra la copia feliniana e l'originale.
Bibliografia Baronius Catalogus (1757), pp. 360-362; Peebles Girolamo (1936), pp. 37-38 e tav. 5; Campana-Manetti Ciriaco e l'arco (1959), pp. 487-488, 493, 495; Kristeller Iter Italicum (1963), I p. 256; de Gaiffier, Odalric de Reims (1974), pp. 315-319; Mss. med. LU (2015), pp. 278-279 scheda 279; Colli Felino Sandei (2017), p. 98 n. 9; Savigni I codici BCF 618 e 608 (2017), p. 202 n. 16

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

VIII. ff. 345r-451v Lombardus a Serico n. saec. XIV ante med., m. 11-8-1390, Continuationes Petrarchae Epithomae et Compendii
prooem. inc. Errare haud profecto videtur qui dixerit
praef., f. 348r inc. Maius me opus aggredi et sine remige
text., f. 349r inc. Quoniam Titus Quintus Flaminius prius occurrens
Note A f. 451 la formula di explicit è in greco (lingua e alfabeto, maiuscolo).

numero d'ordine: IX

numero d'ordine: X

numero d'ordine: XI

numero d'ordine: XII

numero d'ordine: XIII

numero d'ordine: XIV

Risorse esterne collegate
Lucca, BCF 555, f. 1r
Lucca, BCF 555, f. 39r
Lucca, BCF 555, f. 451r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-capitolare-feliniana-555/224936

Responsabile descrizione interna CODEX

Lucca, Biblioteca Statale (olim Biblioteca Governativa), 2128

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV med. data stimata
il manoscritto è di lavorazione lunga, la data 1448 espressa a f. 102v (vd. sottoscrizione) non è estensibile a tutta la compagine
cart.
ff. I, 104, I', oltre alla cartulazione moderna, apposta nel margine inf. interno, vi è una cartulazione forse coeva, a numeri arabi in rosso, che parte da 17, denunciando così la perdita dei primi 16 fogli iniziali; inoltre, registra un salto da f. 78 (attuale f. 60) a f. 87 (attuale f. 65) che corrisponde ad un'analoga perdita di fogli (i ff. 61-64 che costituiscono il fasc. 7, infatti, sono un'aggiunta moderna di 4 fogli bianchi); fascicoli 1-6 (10), 7 (4), 8-11 (10): il fasc. 1, originariamente un senione, manca dei fogli solidali ai ff. 5-6
Dimensioni: 216 x 157; specchio di scrittura: 20 [144] 52 x 22/5 [84] 5/41; rr. 2/ll. 31 (f. 26r)

Scritture e mani : littera antiqua


Decorato
Iniziali semplici: a f. 21r grande iniziale a inchiostro probabilmente di epoca posteriore
Rubricato

Legatura recente
Stato di conservazione Il f. 95 risulta forato

Sottoscritto / Colophon
A f. 102v Uticensis Catonis vita in brevi per me Iacobum de Moris canonicum Placentinum reducta. Explicit die XXVIIII° iulii 1448 dum essem in Brixiam. Deo gratias (cfr. in bibl.)
Ente possessore Lucca, S. Maria Corteorlandini, convento (s.d.)
Nomi Iacobus de Moris Placentinus, copista e possessore (sec. XV med.)
Storia del manoscritto Del Prete asserisce che il ms. appartenne ad Alessandro Pompeo Berti; in più punti sono presenti i timbri della biblioteca di S. Maria Corteorlandini. 
Per i testi, copiati ed in parte anche compendiati, dall'umanista e canonico Giacomo Mori cfr. in bibl. Rosso Percorsi.
Bibliografia Baluze-Mansi, Miscellanea (1761), III pp. 151-154, 158-166; Del Prete Repertorio (1877), 1/2 f. 136r-v; Mancini Codices Lucenses (1900), pp. 260-261; Sabbadini, Guarino Veronese (1915), II pp. 258-260, 676-677; Kristeller Iter Italicum (1963), I pp. 261-262; Durling (1988), p. 528; Thiermann Orationes Homeri (1993), p. 18; Rosso Percorsi (2012), pp. 36-40 in part.

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

numero d'ordine: IX

numero d'ordine: X

numero d'ordine: XI

numero d'ordine: XII

numero d'ordine: XIII

numero d'ordine: XIV

numero d'ordine: XV

numero d'ordine: XVI

numero d'ordine: XVII

Risorse esterne collegate
Lucca, BS 2128, f. 21r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/lucca-biblioteca-statale-(olim-biblioteca-governat/203215

Responsabile descrizione interna CODEX

Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, K.VI.47

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

parzialmente datato a. 1415 gennaio 21
vd. sottoscrizione a f. 278v
cart.
in folio
Luogo di copia Spoleto (Perugia) (a. 1415)
ff. I, 332, ff. numerati 322: numerazione moderna calante di 10 unità perché ripete i seguenti nnr. (contrassegnati da bis): 38, 85, 127, 128, 134, 176, 239, 256, 258, 301; fascicoli 1 (12), 2 (18), 3 (7), 4 (12), 5 (10), 6-11 (12), 12 (14), 13-15 (12), 16 (14), 17-18 (12), 19 (16), 20-24 (12), 25 (10), 26 (12), 27 (15): richiami orizzontali; il fasc. 2 è stato inserito in epoca più tarda per colmare una lacuna testuale; il fasc. 3 è un quaterno privo del quinto foglio
Dimensioni: 284 x 210 (f. 45r); specchio di scrittura: 26 [194] 61 x 33 [67 (11) 67] 32 (ff. 1-286, f. 45r); 20 [262] 59 x 26 [162] 22 (ff. 287-322, f. 290r); rr. 36/ll. 36 (ff. 1-286, f. 45r, variabili); rr. 34/ll. 34 (ff. 287-322, f. 290r, variabili), rigatura mista: a secco rafforzata ad inchiostro

Scritture e mani : corsiva moderna; : libraria; : littera textualis semplificata


Decorato
Iniziali filigranate; Iniziali decorate: iniziale decorata, acquerellata nei colori rosa oro, nero, blu, con fregi marginali a fiorami (ff. 1r, 2r, 5r, 6r, 7v, 8r, 8v, 9rv); altre iniziali decorate, su fondo nero, nei colori rosa e rosso (ff. 40v, 47r); iniziale filigranata a f. 33v; spazi riservati

Legatura moderna in carta marmorizzata su cartone rigido; su dorso tassello con titolo dell'opera, in oro

Sottoscritto / Colophon
A f. 278v: Hic liber est Mathei Vannoli Filippicti de Interamnes per ipsum manu propria max [cassato] maxima ex parte scriptum in civitate Sopleti et completus MCCCCXV Ind(ictione) VIII, dì XXI mensis ianuarii. Deo gracias. Amen.
Il datum si riferisce solo alla prima sez. (ff. 1r-278v).
Ente possessore Monte Oliveto Maggiore (Siena), Monte Oliveto Maggiore, abbazia OSBOliv (a. 1461 - 1810)
Nomi Matheus Vannoli Filippicti de Petruccianis de Interamnes cancellarius, copista, miniatore e possessore (a. 1415); Ludovicus Matthaei de Petruccianis de Interamne utriusque iuris doctor, possessore (sec. XV med.)
Precedenti segnature B. 67, Monte Oliveto Maggiore (Siena), Monte Oliveto Maggiore, abbazia OSBOliv (sec. XVII - XVIII); T.XIIII, Monte Oliveto Maggiore (Siena), Monte Oliveto Maggiore, abbazia OSBOliv (sec. XVI)
Storia del manoscritto Il ms., omogeneo non unitario, proviene dall'eredità di Ludovico Petrucciani, professore allo Studio di Siena, passata in seguito al monastero di Monte Oliveto Maggiore di Siena, infine con le soppressioni conventuali del 1810 è giunto nell'attuale sede. Il codice è stato scritto almeno in due tempi prevalentemente da Matteo Petrucciani: una prima parte, coincidente con i ff. 1-278, è stata conclusa nel 1415; a questa si aggiunge una seconda parte, ff. 287-322, presumibilmente coeva alla prima, ma iniziata da mano diversa. Il codice ripropone l'importanza della figura del Petrucciani che, con il limitato intervento di aiuti amicali, appronta una raccolta libraria di estremo interesse. La decorazione, con ogni probabilità anch'essa attribuibile al Petrucciani, imita - a quanto pare - l'antigrafo e potrebbe risultare significativa. Dalla decorazione parziale e dall'assenza totale di rubriche il ms. doveva essere oggetto di ulteriori interventi. A f. 1r la nota del bibliotecario Luigi De Angelis: Venuto dalla biblioteca di Monteoliveto Maggiore alla pubblica biblioteca di Siena il dì 20 ottobre 1810. l. de angelis bibliotecario. a f. 1r precedente segnatura olivetana T.XIIII (sec. XVI); sul dorso altra segnatura olivetana B.67 (sec. XVIII), e 22R2 (letta dall'alto in basso; sec. XIX) riferibile alla biblioteca pubblica senese.
Bibliografia Ilari La Biblioteca (1847), VI p. 540; Razzolini Uomini illustri (1874), I; Rossbach Epitomae (1896); Frati, Codici (1898), p. 67; Terzaghi De codicibus latinis (1903), pp. 396, 398 n. 21; Terzaghi Index codicum (1903), pp. 408-409 n. 21; Martellotti Petrarca De viris (1964), pp. XIX-XX; Kristeller Iter Italicum (1967), II p. 156; Reeve Familia Cusana (1995), p. 63; Crevatin: De gestis Cesaris (2003)

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. ff. 205ra-278va Lombardus a Serico n. saec. XIV ante med., m. 11-8-1390, Continuationes Petrarchae Epithomae et Compendii
proem. inc. Errare haud dubie [cassato] profecto videtur
praef., f. 206ra inc. Maius me opus aggredi sine remige
text., f. 208va inc. Quoniam Titus Quintus Flaminius primo occurens
text. expl. examine celestibus meritis traditur compensanda.
Note a f. 278v: Lombardi a Serico patavini quorundam illustrium virorum et clarissimorum heroum ad inclitum Francischum de Cararia insignem patavinum ducem post celeberrum vatis Francisci Petrarce obitum explicit supplementum
Il f. 207v bianco, ma non ci sono lacune di testo; il richiamo a f. 240 fugiens denuncia la caduta di materiale; il f. 241 è un'aggiunta successiva, bianco, a segnalare la lacuna (non recente dato che ne è già indicata l'assenza da mano moderna al marg. inf. di f. 240v); il testo riprende a f. 242ra: consulto premisso fuerat. Cfr. Razzolini, vol. I, pp. 314 sgg. Seguono al testo i ff. 279-286, bianchi.

numero d'ordine: III

Risorse esterne collegate
Siena, BCI K.VI.47, f. 1r
Siena, BCI K.VI.47, f. 205r
Siena, BCI K.VI.47, f. 208r
Siena, BCI K.VI.47, f. 278v
Siena, BCI K.VI.47, f. 287r
Siena, BCI K.VI.47, ff. 5v-6r
Siena, BCI K.VI.47, ff. 98v-99r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/siena-biblioteca-comunale-degli-intronati-k-vi-47/217839

Trovati 4 records. Pagina 1 di 11

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

Se disabiliti questi cookies non sarai in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che tutte le volte che visualizzi www.mirabileweb.it dovrai impostare nuovamente le impostazioni cookies. (Non consigliato)

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy