Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Apostolo Zeno in Manoscritti
Apostolo Zeno
Trovati 24 records. Pagina 1 di 3123



Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, Hamilton 415

sec. XV

Luogo di copia Italia
membr.
ff. 18
dimensioni: 165 x 90


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore

Calumniae non temere credendum [opus Luciani Samosatensis; translatio ex graeco; una cum epistola dedicatoria ad Iohannem Lapicam], Lapus Castelliunculus n. 1405, m. 1438, ff. 1r-18v
testo
Calumniae non temere credendum, Lucianus, ff. 1r-18v

Bibliografia Boese, Hss. Hamilton (1966) p. 196

Risorse esterne collegate
Manuscripta mediaevalia
Manuscripta mediaevalia (cat. Boese)

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/berlin-staatsbibliothek-zu-berlin-preußischer-kult-manoscript/154716




Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, Hamilton 417

sec. XV

Luogo di copia Italia
membr.
ff. I, 62
dimensioni: 230 x 160


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore

Asinus, Lucianus pseudo post saec. II, ff. 1v-21r
Asinus [opus Luciani Samosatensis pseudo; translatio ex graeco; una cum epistola dedicatoria ad Cosmum Medicen], Poggius Bracciolinus n. 11-2-1380, m. 30-10-1459, ff. 1r-21r
f. 1r-v: epistola dedicatoria; ff. 1v-21r: testo
Macrobii [opus Luciani Samosatensis; translatio ex graeco; una cum epistola dedicatoria sive ad Iannotium Manettum sive ad Gregorium Corrarium], Lapus Castelliunculus n. 1405, m. 1438, ff. 21v-28r
ff. 21v-22v: epistola dedicatoria a Giannozzo Manetti; ff. 22v-28r: testo
Macrobii, Lucianus, ff. 22v-28r
translatio Lapi Castelliunculi
Patriae encomium [opus Luciani Samosatensis; translatio ex graeco; una cum epistola dedicatoria sive ad Iannotium Manettum sive ad Gregorium Corrarium], Lapus Castelliunculus n. 1405, m. 1438, ff. 21v-22v, 28r-30v
ff. 21v-22v: epistola dedicatoria a Giannozzo Manetti; ff. 28r-30v: testo
Patriae encomium, Lucianus, ff. 28r-30v

Bibliografia Boese, Hss. Hamilton (1966) pp. 196-7

Risorse esterne collegate
Manuscripta mediaevalia
Manuscripta mediaevalia (cat. Boese)

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/berlin-staatsbibliothek-zu-berlin-preußischer-kult-manoscript/154712




Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, Hamilton 482


datato
a. 1461

Luogo di copia Italia; Foligno (Perugia) (?)
membr.
ff. 95
dimensioni: 235 x 150


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore

Poemata, Franciscus Patricius Senensis, Caietanus episcopus n. 24-2-1413, m. 1494

Bibliografia Boese, Hss. Hamilton (1966) pp. 225-8

Risorse esterne collegate
Manuscripta mediaevalia
Manuscripta mediaevalia (cat. Boese)

Altri progetti collegati:
CALMA

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/berlin-staatsbibliothek-zu-berlin-preußischer-kult-manoscript/146099




Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz, Hamilton 637

Composito

sec. XV; sec. XV-XVI

Luogo di copia Italia
membr. e cart.
ff. I, 52
dimensioni: 200 x 135


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore; Honoratus Caesenatis CRLat (sec. XVI?), ad usum

Liber compositus de variis historiis pro diversis utilitatibus lectori proventuris, Guido Pisanus fl. 1117-1119

Bibliografia Boese, Hss. Hamilton (1966) pp. 311-2; Campopiano Liber Guidonis (2008) pp. XLII-XLIII

Risorse esterne collegate
Manuscripta mediaevalia
Manuscripta mediaevalia (cat. Boese)

Altri progetti collegati:
MEL

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/berlin-staatsbibliothek-zu-berlin-preußischer-kult-manoscript/155941



Descrizione desunta

Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Triv. 1053

T3

sec. XV ex. data stimata
membr.
ff. III, 70, II'
dimensioni: 138 x 85


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore; Bartolomeo Sanvito (n. 1435, m. 1518), copista

Bindo Bonichi n. ca. 1265-m.1336
Sennuccio del Bene 1270/1275 - 1349

Schede derivate:
LIO

Altri progetti collegati:
MEL

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/milano-archivio-storico-civico-e-biblioteca-trivul-manoscript/159258



Descrizione diretta

Milano, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Triv. 1053

T3

sec. XV seconda metà - XVI in. data stimata
membr.
ff. I, 70, I'; numerazione in cifre arabe, 1-69, posta nel margine superiore esterno, con l'ultimo foglio non numerato; fascicoli I-VII (10): fascicoli numerai A-F; bianchi i ff. 68v-70v
dimensioni: mm. 140 x 85

note generali sulla scrittura: il codice è esemplato da un'unica mano, umanistica, identificata con quella di Bartolomeo Sanvito. 


Presenza di note / correzioni
Una postilla a f. 68r di mano del sec. XVIII-XIX; l'appendice delle varianti ai ff. 67r-68r e altri interventi in margine ai singoli testi sono attribuibili a Bartolomeo Sanvito

Iniziali: capitali in inchiostro viola, azzurro, rosso e giallo; iniziali semplici in rosso e azzurro. Explicit in rosso, viola e azzurro.
rubricato: rubriche in rosso e viola, parzialmente svanite; ai ff. 1r, 32v e 33r a colori alternati rosso, viola, azzurro


Legatura in assi in cartone del sec. XIX
Stato di conservazione l'inchiostro è evanido

Ente possessore Venezia, Gesuati di Santa Maria
Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore; Bartolomeo Sanvito (n. 1435, m. 1518), copista; Gian Giacomo Trivulzio (n. 1774 - m. 1831), possessore; Luigi Bossi, possessore
Storia del manoscritto
Il codice appartenne inizialmente ad Apostolo Zeno, poi passò ai Domenicani dell'Osservanza di S. Maria del Rosario alle Zattere (Venezia). Trafugato dagli occupanti francesi nel 1797, il manoscritto venne recuperato da Luigi Bossi, dal quale venne acquistato da Gian Giacomo Trivulzio. Sul contropiatto anteriore è incollato un cartiglio con l'ex libris di Trivulzio e la segnatura: «Codice N. 1053. | Scaff(a)le N. 84. Palch(et)to N° 4». A f. 1r è vergata la precedente segnatura: «Codice Trivulzio N. 31».

A tal è giunto el mondo, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 12r-13v
Al poco giorno ed al gran cerchio d'ombra, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 58r-59r
Amor che movi tua vertù dal cielo, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 47r-48v
Amor che nella mente mi ragiona (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 50r-51v
Amor, da che convien pur ch'io mi doglia, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 62r-63v
Amor, tu vedi ben che questa donna, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 57r-58r
Ballata, i' voi che tu ritrovi Amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 63v-64v
Chi dorme o mal ve', forse, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 10v-12r
Chi è in aversitate, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 24v-26r
Chi tolle altru' tesoro, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 18v-20r
Cosa amistà verace, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 4r-5v
Così nel mio parlar vogli'esser aspro, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 35v-37r
Da·ppoi ch'i' ho perduta ogni speranza, Sennuccio del Bene 1270/1275 - 1349, ff. 64v-66v
Del tempo l' uom passato, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 7r-8v
Dispregiar valimento, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 1r-2v
Doglia mi reca nello core ardire, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 39v-41v
Donna pietosa e di novella etate, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 59r-60v
Donne ch' avete intelletto d' amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 48v-50r
E' m'incresce di me sì duramente, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 53v-55v
El papa ch' è tiranno, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 21r-23r
Esser credia beato, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 23r-24v
Guai a chi nel tormento, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 13v-15r
Io sento sì d'Amor la gran possanza, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 51v-53v
Io son venuto al punto della rota, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 44v-45v
L' esser non giusto move, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 5v-7r
L' omo ch' è infelice, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 26v-28r
L' uomo ha tre signoraggi, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 17r-18v
La dispietata mente che pur mira, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 55v-56v
Le dolci rime d'amor ch'io solea (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 33r-35v
Li occhi dolenti per pietà del core, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 60v-62r
Magnificando Amore, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 28r-29v
Morte è privar di vita, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 20r-21v
Ne l'om discreto e saggio, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 2v-4r
Po' Deo creò Adamo, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 31r-32v
Poscia ch'Amor del tutto m'ha lasciato, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 42r-44v
Se è d' Eva e d' Adam tutto, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 15r-16v
Tanto prudenza porta, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 9r-10v
Tre donne intorno al cor mi son venute, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 37v-39v
Trovâr sottil' vïaggi, Bindo Bonichi n. 1260-m.1338, ff. 29v-31r
Voi che 'ntendendo il terzo ciel movete (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 46r-47r

Bibliografia Porro Catalogo Trivulziana (1884) p. 121; Barbi Studi sul Canzoniere (1915) pp. 24-5, 50, 449; Santoro Codici (1965) pp. 253-4 (n° 389); De Robertis, Dante. Rime (2002) vol. I** pp. 505-6 (con tavola parziale)

Note Fonte dei dati: ms. [06.02.2018]

Regesto ff. 1r-32v: canzoni di Bindo Bonichi - ff. 33r-66v: canzoni di Dante Alighieri (l'ultima è in realtà di Sennuccio del Bene)

Risorse esterne collegate
Manus on line

Responsabile scheda: Irene Tani

Scheda derivata da: MEL

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/milano-archivio-storico-civico-e-biblioteca-trivul-manoscript/216891




Pavia, Biblioteca Universitaria, Aldini 395

sec. XV
cart.
ff. 81
dimensioni: 198 x 148

decorato


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore

Convivia Mediolanensia [ad Thomasum Tebaldi dicata], Franciscus Philelphus n. 25-7-1398, m. 31-7-1481, ff. 3r-81r
lib. I tantum

Bibliografia De Marchi - Bertolani Inv. Pavia (1894) pp. 223-4

Altri progetti collegati:
CALMA
MEL

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/pavia-biblioteca-universitaria-aldini-395-manoscript/136114




Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, it. V. 56 (5430)

sec. XV
cart.

Area dialettale ... Veneziano


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore
Precedenti segnature A. Zeno, n. 490.

Di Margarita ditta Pelagio, Domenico Cavalca, ff. 36v-40r

santi

Di S. Giustina Vergine, e di S. Cipriano Martire, ff. 40r-48r
santi

Di santa Eufrosina; e 'mprima della sua nattività, e come essendo poi maritata, fuggitte a uno monesterio di monaci in habito d'homo e fecesi monaco, Domenico Cavalca, ff. 1r-15v
santi

Di santa Iuliana, ff. 56v-60r
santi

Di Santa Marina vergine, ff. 15v-20v
santi

Di santa Pelagia, la vita della quale scrisse Iacopo, diacono del vescovo Non[n]o, dal quale fue convertita, el qual fu presente alla predicta conversione, Domenico Cavalca, ff. 20v-34r
santi

Di santa Taysi meretrice, ff. 34r-36v
santi

Di santa Theodora, ff. 48r-56v
santi


Bibliografia Frati Mss. it. Marciana (1911) vol. II pp. 291-2; Delcorno, La tradizione delle (2000) pp. 467-8

Responsabile scheda: Maria Teresa Dinale

Schede derivate:
TRALIRO

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/venezia-biblioteca-nazionale-marciana-it-v-56-(543-manoscript/146862




Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, it. V. 66 (5674)

sec. XV
membr.


Nomi Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore

Venerabile e santa vita del beato Giovanni Colombini, Feo Belcari, ff. 1v-37r*

santi


Bibliografia Frati Mss. it. Marciana (1911) vol. II pp. 303-4

Responsabile scheda: Maria Teresa Dinale

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/venezia-biblioteca-nazionale-marciana-it-v-66-(567-manoscript/146944



Descrizione diretta

Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, it. IX. 191 (6754)

Mc1


datato
a. 1509
cart.
ff. I + 150; numerazione antica (sec. XVI) 1-143 a cominciare dalla seconda carta, con ripetizione del n. 37 (37 bis), proseguita da due mani moderne 144-46 e 147-48; fascicoli I-XV (10): numerazione del copista per lo più asportata dalla rifilatura, parzialmente leggibile per i primi 4 (a1-a5... d1), con richiami alla fine dei primi 6
dimensioni: 202 x 142; specchio di scrittura: 130 (150 per le lettere) x 75 (110 per le parti a mo' di prosa o in prosa)
disposizione del testo: versi in colonna; versi per lo più in colonna a mo' di prosa nella giunta a ff. 101v-103r

scritture e mani uumanistica;
note generali sulla scrittura: una sola mano, corsiva umanistica (?) fitta e minuta di Antonio Isidoro Mezzabarba, che scrisse anche numerose varianti (alcune ricavate dal suo esemplare) e contrassegnò con un piccolo cerchio le rime ritenute inedite



Sottoscritto
A f. Ir, di mano del copista: «Ie(su) Ch(rist)e | Io Antonio Isidoro [Isidoro per richiamo del margine] Mezzabarba veneto de luna e laltra legge minimo de i scolari ho scritto tutto questo lib<b>ro [la seconda b cancellata dallo stesso copista, e così più avanti] di | mia propria mano, nulla mutando ouero aggiunge(n)do | di quello, che io in antiquissimi lib<b>ri trouai scritto. | Ad laudem Dei et gloriosae Virginis etc. | MDIX del mese di maggio»
Nomi Antonio Isidoro Mezzabarba, possessore; Antonio Isidoro Mezzabarba, copista; Apostolo Zeno (n. 1668 - m. 1750), possessore
Precedenti segnature Apostolo Zeno 201; CIV.1; LV.4
Storia del manoscritto
Appartenne ad Apostolo Zeno, dopo la morte del quale insieme a tutti i suoi codici passò per legato al convento dei Domenicani di Venezia detto dei Gesuati, e, una volta soppresso il monastero nel 1810, fu assegnato definitivamente alla Marciana nel 1821 con l'intera libreria (vecchie segnature marciane: CIV.1 su LV.4)

A faticosa via stanco corriero, Francesco Petrarca, f. 134r
A forza mi conven ch' alquanto spiri, Cino da Pistoia ?, ff. 79v-80v
Africa poi ch' abbandono le spoglie, Francesco Petrarca, f. 133v
Al cor gentil rempaira sempre amore, Guido Guinizelli n. 1230 ca. - m. aq 14.11.1276, ff. 71r-72r
Al poco giorno ed al gran cerchio d'ombra, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 23r-v
Allor che sotto il Cancro cangiato hanno, Francesco Petrarca, f. 129v
Alto intelletto il qual durando godo, Francesco Petrarca, f. 133v
Amico la novella mea cornacchia, f. 93r
Amor che movi tua vertù dal cielo, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 13v-14v
Amor che nella mente mi ragiona (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 16r-17v
Amor, da che convien pur ch'io mi doglia, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 26v-27v
Amor, la cui vertù per grazia sento, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 123r
Amor, la doglia mia non ha conforto, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 99v-100r
Amor, la dolce vista di Pietate, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 93v
Amor, la donna che tu me mostrasti, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 100r-v
Amor, tu vedi ben che questa donna, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 22r-23r
Amore e monna Lagia e Guido ed io, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 61r
Amore è uno spirito ch'ancide, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 99r
Amore in pianto ogni mio riso è volto, Francesco Petrarca, f. 136v
Ancor me tegna Amor tanto temente, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 126v
Anima dove sei ch'ad ora ad ora, Francesco Petrarca, f. 133r
Anzi ch'Amore ne la mente guidi, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 92r
Assai son certo che somenta in lidi, Onesto da Bologna n. 1240 ca. - m. pq 1301 aq 1303, f. 92v
Audite la cagion de' miei sospiri, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 97r
Avegna che crudel lancia 'ntraversi, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 89r
Ballata, i' voi che tu ritrovi Amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 28r-v
Bella e gentile amica di pietate, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 99v
Ben dico certo che non è riparo, Cino da Pistoia ?, f. 56r
Benche 'l cammin sia faticoso e stretto, Francesco Petrarca, f. 134r
Bene è forte cosa il dolce sguardo, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 99r
Bernardo, io veggio ch'una donna vène, Dante Alighieri ?, f. 98r
Chi è questa che vèn, ch'ogn'om la mira, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 115r
Chi guarderà giammai sanza paura, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 56v
Color di perla, dolçe mia salute, Nicolò de' Rossi 1289/90-post 1348, ff. 75r-76v
Con gravosi sospir' traendo guai, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 90r
Così com nell'oscuro alluma il raggio, Puccio Bellondi ...1262-1291..., f. 62v
Così nel mio parlar vogli'esser aspro, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 3r-4v
Çovene donna dentro al cor mi sede, Nicolò de' Rossi 1289/90-post 1348, ff. 76v-77v
D'amor non fo za mai veduta cosa, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 125r
Da ch'el ti piaçe, Amor, ch'eo returni, Nicolò de' Rossi 1289/90-post 1348, ff. 77v-78v
Da·ppoi ch'i' ho perduta ogni speranza, Sennuccio del Bene 1270/1275 - 1349, ff. 28v-30r
Degli occhi della mia donna si move, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 57r
Degli occhi di quella gentil mia dama, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 57r
Deh, ascoltate come 'l mio sospiro, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 101r
Deh, ch'or no m'avis'tu anzi mai digno, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 122v
Deh, Gherarduccio, com' campasti tue, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 93r
Deh, non mi domandar perché sospiri, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 96r
Deh, piacciavi donare al mio cor vita, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 98v
Deh, Violetta, che 'n ombra d'Amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 64v
Deo!, che non posso or disamar sì forte, Guittone d' Arezzo n. 1230-1240 - m. 21.8.1294, f. 117r
Dixem' Amor: «Questa donna più vol te, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 126r-v
Doglia mi reca nello core ardire, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 6v-9r
Donna, il beato punto ch'e' m'avenne, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 100r
Donna me prega, - per ch'eo voglio dire, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, ff. 104r-105r
Donna mi vene spesso nella mente, Francesco Petrarca, f. 137r
Donna pietosa e di novella etate, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 23v-25r
Donna, vostro mirare, Botrico da Reggio ... 1310 ..., f. 122r-v
Donne ch' avete intelletto d' amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 15r-16r
Donne, io non so di che mi preghi Amore, Dante Alighieri ?, f. 63v
Donne mie gentili, al parer meo, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 94v
E' m'incresce di me sì duramente, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 19r-20v
E' non è legno di sì forti nocchi, Cino da Pistoia ?, f. 56r
E' sento 'l summo bene, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 127r-v
En 'namorata mano coralmente, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 124r
Era l' aire sereno e lo bel tempo, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, ff. 126v-127r
Fra' verdi boschi ove l'erbetta bagna, Francesco Petrarca, f. 131r
Gentil' donne valenti, ora m'aitate, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 97v
Gentil messer[e], la virtù sottile, f. 121r
Già non m'agenza, Chiaro, il dimandare, Dante Alighieri ?, f. 62r
Giovane bella, luce del mio core, ff. 100v-101r
Gli antichi e bei pensier convien ch' io lassi, Francesco Petrarca, f. 132v
Guardando a voi, in parlare e 'n sembianti, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 94v
Guardate en che beltà mia donna regna, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 124r
Guato una donna dov' io la scontrai, Gianni Alfani sec. XIII seconda metà - XIV prima metà, f. 128r
Guido, i' vorrei che tu e Lippo ed io, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 63v
I' no spero che mai per mia salute, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 70r-71r
I' vegno 'l giorno a·tte 'nfinite volte, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 119r
Il bell'occhio d'Apollo dal cui guardo, Pietro Dietisalvi, f. 135r
Il core ch' a ciascun di vita è fonte, Francesco Petrarca, f. 129v
Il lampeggiar degli occhi alteri e gravi, Matteo degli Albizzi sec. XIV sm, f. 130v
Il mal mi preme et mi spaventa il peggio, Francesco Petrarca, f. 136r
In disnor e 'n vergogna solamente (1), Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 90v
In ira al cielo al mondo et a la gente, Francesco Petrarca, f. 137v
Ingegno usato alle question profonde, Francesco Petrarca, f. 137v
Inn-abito di saggia messaggera, Dante Alighieri ?, ff. 63v-64r
Io che nel tempo reo, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 108v-109r
Io non descrivo in altra guisa Amore, Francesco da Barberino n. 1264 - m. aprile 1348, f. 102r-v
Io non pensava che lo cor giammai, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, ff. 105r-106r
Io non posso ben dire Italia mia, Francesco Petrarca, f. 130v
Io non so ben s' io volia quel ch' io volio, Giovanni Dondi dall'Orologio, f. 136r
Io prego, donna mia, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 98v
Io sento pianger l'anima nel core, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 59r
Io sento sì d'Amor la gran possanza, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 17v-19r
Io son sì vago de la bella luce, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 56v
Io son venuto al punto della rota, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 11r-12v
Io sum regina in l'amoroso regno, Giovanni Quirini n. aq 1295 - m. aq 01/12/1333, f. 113v
Io vidi li occhi dove Amor si mise, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 115v
L' alpestri selve di candide spoglie, Francesco Petrarca, f. 129r
L'alta bellezza de placer compita, ff. 127v-128r
L'alta speranza che mi reca Amore, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 106r-107r
L'alta vertù che si ritrasse al cielo, Cino da Pistoia ?, ff. 107r-108v
L'anima mia vilment' è sbigotita, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 116v
L'uom che conosce tegno ch'aggi ardire, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 78v-79v
La bella stella che 'l tempo misura, ff. 72r-73v
La dispietata mente che pur mira, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 21r-22r
La gran beltà che ve donò Amore, Botrico da Reggio ... 1310 ..., ff. 121v-122r
La santa fama de la qual son prive, Muzio Stramazzo da Perugia Sec. XIV, f. 137r
La soma vertù d'amor, a cui piaque, Nicolò de' Rossi 1289/90-post 1348, ff. 73v-75r
Lacremando lassasti gli ochi mei, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 124v
Lasso com'io fui mal approveduto, Francesco Petrarca, f. 137v
Le dolci rime d'amor ch'io solea (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 1r-3r
Li mie' foll' occhi, che prima guardaro, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 116v
Li occhi dolenti per pietà del core, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 25r-26v
Li più begli occhi che lucesser mai, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 64r
Li vostri occhi gentili e pien' d'amore, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 91r
Lisetta voi de la vergogna sciorre, Aldobrandino Mezzabati n. ca. 1250 - m. pq 1297, f. 61r
Lo fin piacer di quell'adorno viso, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 57v
Lo meo zoioso stato, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, ff. 123v-124r
Madonna, la beltà vostra infollìo, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 89v
Madonna, la pietate, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 99v
Madonna, lo coral desio ch'eo porto, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, ff. 122v-123r
Madonna, per vertute, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, ff. 125v-126r
Madonne, deh, vedeste voi l'altr'hieri, Dante Alighieri pseudo, f. 59r
Mai non vedranno le mie luci asciutte (1), Francesco Petrarca, f. 135v
Messer Francesco chi d'amor sospira, Geri Gianfigliazzi, f. 136r
Messer lo conte Guido, a mio parere, f. 101v
Messer, lo mal che ne la mente siede, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 91v
Meuccio, i' feci una vista d'amante, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 97v
Moviti, Pietate, e va incarnata, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 96v
Ne le man vostre, gentil donna mia, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 60r
Nel tempo de la mia novella etate, Cino da Pistoia ?, ff. 82r-83r
Non credo che 'n madonna sia venuto, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 59v
Non fossi attraversati o monti alteri, Francesco Petrarca, f. 133r
Non v'accorgete voi d'un che·ssi more, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 58v
Nov' entelletto move 'l meo desire, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 125v
Novella zoia 'l core, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 126r
O chiara luce mia dove se' gita, Francesco Petrarca, f. 132r
O dolci rime che parlando andate, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 58r
O donna mia, non vedestù colui, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 115v
O giorno di tristizia e pien di danno, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 90r
O monti alpestri o cespugliosi mai (1), Francesco Petrarca, f. 132v
O novella Tarpea, in cui s'asconde, Antonio Beccari (da Ferrara) 1315 - 1371/1374, f. 137v
O tu, Amor, che m'hai fatto martire, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 93v
Occhi miei, fuggite ogni persona, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 90v
Ogn'allegro penser ch'alberga meco, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 89v
Ogne deletto e bene, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 125r-v
Oimè lasso, or sonv'io tanto a noia, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 91r
Oïmè lasso, quelle trezze bionde, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 69r-v
Oltra l'usato modo si rigira, Sennuccio del Bene 1270/1275 - 1349, f. 135v
Omo, lo cui nome per effetto, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 96v
Onde vieni, Amor, così soave, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 96r
Parole mie che per lo mondo siete, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 58r
Partuto star da voi, donna, me sento, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 123v
Per quella via che·lla Bellezza corre, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 60v
Per vera esperienza di parlare, Chiaro Davanzati n. 1230-1240 - m. pq 20.8.1303 aq 27.4.1304, f. 61v
Però che vede soa bellezza sola, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 123r-v
Pietà e Mercé, mi ricomande a vui, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 97r
Più volte il dì mi fo vermiglio e fosco, Francesco Petrarca, f. 134v
Poi ch' al Fattor de l' universo piacque, Francesco Petrarca, f. 131v
Poi che saziar non posso gli occhi miei, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 100v
Poscia ch'Amor del tutto m'ha lasciato, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 9r-11r
Quando pur veggio che si volta il sole, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 69v-70r
Quando specchiate, donna, el vostro viso, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 127v
Quando talor da giusta ira commosso, Francesco Petrarca, f. 134v
Quanto più fiso miro, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 64r
Quantunque volte lasso mi rimembra, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 84r
Quella che in cor l' amorosa radice, Onesto da Bologna n. 1240 ca. - m. pq 1301 aq 1303, f. 92r
Quella che 'l giovenil meo core avinse, Francesco Petrarca, f. 137r
Quella ghirlanda che la bella fronte, Francesco Petrarca, f. 129r
Questa donna ch'andar mi fa pensoso, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 58v
Questa Gualtera è maraveglia nova, Nuccio Piacente ...1280-1300..., f. 128r-v
S'io ismagato sono ed infralito, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, ff. 109r-110v
S' io potessi cantar dolce e soave, Francesco Petrarca, f. 132r
S'io prego questa donna che Pietate, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 116r
Saper voria da voi, nobile e saggio, Dante Alighieri ?, f. 62v
Se credi per beltate o per sapere, Chiaro Davanzati n. 1230-1240 - m. pq 20.8.1303 aq 27.4.1304, f. 62r
Se Febo al primo amor non è bugiardo, Francesco Petrarca, f. 135r
Se l' aureo mondo in che gia militaro, Francesco Petrarca, f. 131r
Se l'onorata fronde che prescrive (2), Francesco Petrarca, f. 137r
Se 'l viso mio a la terra si china, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 57v
Se le parti del corpo mio destrutte, Giacomo Colonna, f. 135v
Se mai leggesti versi de l'Ovidi, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 92v
Se sotto legge Amor vivesse quella, Francesco Petrarca, f. 130r
Se vedi Amore, assai ti priego, Dante, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 119v
Sendo da voi madonna mia lontano, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 127r
Sí come al fin de la sua vita canta, Giovanni Quirini n. aq 1295 - m. aq 01/12/1333, ff. 112v-113r
Sì como quil ch' attende, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 124v
Sì dolcemente eo sento, Girardo da Castelfiorentino ca. 1280-ca. 1330, f. 128v
Sì è 'ncarnato Amor del suo piacere, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 95v
Sì m' è fatta nemica la Mercede, Onesto da Bologna n. 1240 ca. - m. pq 1301 aq 1303, f. 91v
Sol di guardar la bella vista humile, Giovanni Quirini n. aq 1295 - m. aq 01/12/1333, f. 128v
Solo soletto ma non di pensieri, Francesco Petrarca ?, f. 131v
Sonar bracchetti e cacciatori aizzare, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 119r
Sta nel piacer de la mia donna Amore, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 94r
Stando nel mezzo de la oscura valle, Botrico da Reggio ... 1310 ..., f. 122r
Stato foss' io quando la vidi prima, Francesco Petrarca, f. 130r
Tanta paura m'è giunta d' Amore, Cino da Pistoia ?, ff. 110v-112r
Tre donne intorno al cor mi son venute, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 4v-6v
Tre pensier' aggio onde mi vien pensare, Dante Alighieri ?, f. 61v
Tu m'hai sì piena di dolor la mente, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 116r
Tutto mi salva il dolce salutare, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 95r
Un penser ne la mente mia se chiude, Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333, f. 125r
Una donna mi passa per la mente, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 89r
Vedete, donne, bella creatura, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 95v
Veduto han gli occhi miei sì bella cosa, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 98r
Vinta e lassa era l'anima mia, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 94r
Virtù che 'l ciel movesti a sì bel punto, Dante Alighieri pseudo, ff. 30r-33r
Visto aggio scritto e odito contare, Dante Alighieri ?, f. 60v
Vita nova, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 33v-55v
Voi che 'ntendendo il terzo ciel movete (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 12r-13v
Voi che per li occhi mi passaste 'l core, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, f. 115r
Voi che per nova vista di ferezza, Cino da Pistoia 1265/70? - 1336/37, f. 95r
Voi che savete ragionar d'amore, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 33r-v
Voi donne, che pietoso atto mostrate, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 60r
Volgete gli occhi a veder chi mi tira, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 63r

Aldobrandino Mezzabati n. ca. 1250 - m. pq 1297
Antonio Beccari (da Ferrara) 1315 - 1371/1374
Botrico da Reggio ... 1310 ...
Chiaro Davanzati n. 1230-1240 - m. pq 20.8.1303 aq 27.4.1304
Dante da Maiano sec. XIII sm
Francesco da Barberino n. 1264 - m. aprile 1348
Geri Gianfigliazzi sec. XIV pm
Giacomo Colonna m. 1341
Gianni Alfani sec. XIII sm-XIV pm
Giovanni di Senno degli Ubaldini sec. XIII ex.
Giovanni Quirini n. aq 1295 - m. aq 01/12/1333
Girardo da Castelfiorentino ca. 1280 - ca. 1330
Guido Cavalcanti sec. XIII, seconda metà
Guido Guinizelli n. 1230 ca. - m. aq 14.11.1276
Guido Novello da Polenta n.1275 - m. 1333
Lupo degli Uberti ... XIII ex.- XIV in. ...
Matteo degli Albizzi sec. XIV sm
Muzio Stramazzo da Perugia sec. XIV
Nicolò de' Rossi 1289/90 - post 1348
Nuccio Piacente ... 1280-1300 ...
Onesto da Bologna n. 1240 ca. - m. pq 1301 aq 1303
Pietro Dietisalvi sec. XIII sm-XIVpm
Puccio Bellondi ...1262-1291...
Sennuccio del Bene 1270/1275 - 1349

Bibliografia De Robertis Censimento IV pp. 474-7 (con ulteriore bibliografia); De Robertis, Dante. Rime vol. I** pp. 793-7 (con ulteriore bibliografia)

Note Fonte dei dati: descrizione De Robertis + ms. [18.12.2003]

Regesto Rime di Dante e a lui attribuite, Vita Nuova, altri poeti trecenteschi, lettere di Petrarca a Leonardo Beccamugi e Nicola Acciaiuoli - ff. 1r-64v Rime (1-58): canzoni, Vita Nova, rime di minori e corrispondenti (Aldrovandino padovano, Chiaro Davanzati, Puccio de' Bellundi, Guido Cavalcanti) - ff. 69r-103r Rime (59-127): rime di Cino da Pistoia e corrispondenti (Onesto da Bologna) - ff. 104r-121v Rime (128-163): rime di Cavalcanti e corrispondenti (Dante), e scambio di sonetti fra Reolfino da Ferrara e Aldrovandino da Padova - ff. 121v-128v Rime (164-193): raccolta di ballate di minori primo trecenteschi (Botrico da Reggio, Girardo da Castelfiorentino, Guido Novello da Polenta, Gianni di Senno degli Ubaldini, Nuccio Piacente da Siena) - ff. 129r-142r Rime (194-235): Petrarca, rime disperse e di corrispondenti (Dietisalvi di Pietro da Siena, Sennuccio del Bene, Giacomo Colonna, Geri Gianfigliazzi, Giovanni de' Dondi, Stramazzo da Perugia, Iacopo de' Garatori da Imola), e due epistole volgarizzate (ff. 136v e 139v-142v)

Responsabile scheda: Francesca Gambino

Altri progetti collegati:

MEM
RDP

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/venezia-biblioteca-nazionale-marciana-it-ix-191-(6-manoscript/133245

Trovati 24 records. Pagina 1 di 3123

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

Se disabiliti questi cookies non sarai in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che tutte le volte che visualizzi www.mirabileweb.it dovrai impostare nuovamente le impostazioni cookies. (Non consigliato)

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy