Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Italia Toscana Camaldoli (Arezzo) Eremo in Manoscritti
Italia Toscana Camaldoli (Arezzo) Eremo
Trovati 42 records. Pagina 1 di 512345



Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 320

sec. XV prima metà

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (?)
membr.



Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
MEL
MEM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-320-manoscript/108906



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 333

sec. XII ex.-XIII in. data stimata

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XII ex. - XIII in.)
membr.
ff. V, 37, IV'; fascicoli 1 (8), 2 (7), 3-4 (8), 5 (6): il ternione finale presenta natura codicologica e testuale differente,potrebbe essere un'aggiunta occasionale, ma, vista la congruità con il contenuto della lettera al nr. 4, pare più probabilmente una aggiunta funzionale; non è in ogni caso omogeneo ma sembra riunire bifogli diversi, grosso modo sincroni al testo principale;
dimensioni: 212 x 152; specchio di scrittura: 10 [178] 24 x 20/6 [112] 5/9 (ff. 1r-23r);  9 [185] 18 x 16/4 [114] 18 (ff. 23v-31r);  16 [183] 13 x 17/5 [110] 5/15 (ff. 32r-35v); rr. 25/ll. 25 (ff. 1r-23r); rr. 27/ll. 27 (ff. 23v-31r); rr. 34/ll. 7 + 7 sistemi di neumi (ff. 32r-35v); rr. 36/ll. 18 (ff. 36r-v); rr. 30/ll. 29 (f. 37r).

decorato
Iniziali semplici
rubricato

Notazione musicale: neumi su rigo di fa in rosso e rigo di do in giallo.

Legatura di restauro.

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XII ex. - XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in. - XX med.)
Precedenti segnature Q.II-30, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ex.)
Storia del manoscritto
A f. 31v è vergata accuratamente una annotazione di valore dubbio (sec. XIII): Frater Guido (corretto su Guidus) Dei gratia Turritanus episcopus Anricus.
Al f. 31r, margine superiore, computo dei fogli (sec. XVI): 31.
Al f. 37v nota di possesso dell'Eremo di Camaldoli (sec. XIII ex.): Hic liber alpensis Heremi sit Camaldulensis. Quem qui furatur anathematis ense necatur. Aut qui maioris retinet sine mente prioris hunc per quinquem dies dampnabilis hec nece fiet delens metrorum multetur clade priorum.
Al f. 1r, erasa al margine interno, nota di possesso dell'Eremo di Camaldoli con segnatura corrispondente al catalogo C (sec. XVII ex.): Inscr(ipt). Catalogo S(ac). E(r).C(am). Q.II-30.
Il codice è rintracciabile con certezza nel catalogo C (cfr. Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca, 492 nr. 30). L'identificazione nell'inventario A (cfr. Magheri Catalucci-Fossa, Biblioteca, 163 nr. 290 e 248 nr. 290), non appare invece convincente: la descrizione dell'inventario infatti non offre corrispondenze di explicit e quindi è dubbia.
Al f. Vv il Baroncini cita gli originali d'Archivio dei testi nr. 1 e 2:
1080. Statuta n° 1°. Armario I° Archivii Camaldulensis Liber Regulae Vitae haeremiticae a Rodulfo Priore IV° Sacri Eremi Camaldulensis,qui incipit: Cum plurimae, et explicit: valeant a Domino stabiliri;
1085. Statuta n° 2°. Armario I° Archivii Camaldulensis. Liber eiusdem Rodulfi Prioris de consuetudinibus et moribus primorum Patrum Camaldulensium ad eius usque tempora observatis. Incipit rubrica: In nomine Sancte et individue Trinitatis ego Rodulfus indignus monachus et sacerdos, et explicit: eum anathematizamus in saecula saeculorum. Amen. Omnia fac cum consilio.
Al f. 8v in corrispondenza della lacuna provocata dalla caduta del primo f. del fasc. 2 si legge la seguente annotazione stesa probabilmente dagli annalisti (sec. XVIII-XIX): Hic deesto folium continens quorum cap.

Liber eremiticae regulae, Radulphus II Camaldulensis prior sedit 1152, m. post 1192, ff. 1r-23r
lacunoso
Constitutiones, Radulphus I Camaldulensis prior sedit 1074-1088, ff. 23r-29r
Constitutiones Camaldulenses, ff. 29r-31r: I - Constitutiones Placidi prioris
Epistolae, Gregorius IX papa n. 1170 ca., m. 22-8-1241, f. 31v
Hymni, ff. 32r-35v
Pange lingua Magdalenae (?), Philippus Cancellarius n. 1160/1185, m. 23-12-1236, f. 36r-v

santi

Oratio pro Maria Magdalena [Consonis Christum veneremur], f. 37r
Salve virgini misericordiae dulce, f. 38v

Bibliografia Bandini Hodoeporicon p. 35; AH (1886) (Register, fonte); Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI p. 228 (G. F. Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170- 241); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) pp. 22, 33, 38, 57, 76, 163, 248; Vedovato, Camaldoli (1994) pp. 277-309; Mss. med. AR (2003) p. 20, pp. 53-54 scheda 41, tav. LIV, p. 131; Licciardello Consuetudo (2004) pp. x, xiv, xix, lxxv-vii, lxxxvii-xc; Guerrieri Clavis (2012) pp. 264, 301, 303; Licciardello Costituzioni (2013) pp. 73 e ss.

Spoglio inventariale
Camaldoli (Arezzo) - Eremo OSBCam. [Inventario A]290- ccxcv. Item Regula heremitica, que incipit 'cum plurime' et finit 'multorum monachorum et laicorum' in cartis pecudinis et cubertis.
Camaldoli (Arezzo) - Eremo. [Inventario C]30- [Q.II] Constitutio B. Rodulphi Prioris S. Eremi Camald.

Note pur in mancanza di note esplicite pare plausibile che il manoscritto, sicuramente di origine locale, possa essere stato confezionato all'eremo.

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCAr 333, f. 1r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 2r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 9r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 29r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 32r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 35r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 36r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 333, f. 23v (da CODEX)

Responsabile scheda: CODEX

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC
MEL
MEM
RICABIM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-333-manoscript/15616



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 337

Composito


membr. e cart.
ff. I, 198; numerazione recente a matita; il f. I è cartaceo moderno (sec. XVIII)
dimensioni: 202 × 145


Legatura moderna (sec. XVIII), in cartone rivestito di pergamena

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam; Arezzo, Fraternita dei Laici
Storia del manoscritto
Sul dorso (sec. XVIII): 1406. Inventario de' beni del Sacro Eremo. Indice de' libri del Sacro Eremo. Al f. Iv segnatura moderna (sec. XVIII): 35.
Il manoscritto è costituito di due unità codicologiche, corrispondenti ai ff. 1-19 (inventario datato 1406) e 20-198 (inventario del sec. XVII, post 1637, indicazione cronologica più tarda rintracciata nei lemmi bibliografici).
Al f. 20r annotazione di mano del bibliotecario Gian Francesco Gamurrini (sec. XIX ex.): Probabilmente compilato nel 1637. G.F.G. bibliotecario.
Il manoscritto contiene, nel suo nucleo più antico (sez. I), l'inventario dell'anno 1406, indicato nella bibliografia come Inventario A; nella sez. II l'inventario del sec. XVII, indicato come Inventario B, dove i manoscritti compaiono alla classe 'omega'.
Un terzo inventario, fine seicentesco e curato da Odoardo Baroncini (Inventario C) è contenuto nel ms. Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 334 (il manoscritto non è catalogato in ABC).
Tutt'e tre i documenti sono pubblicati in Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca e cultura (l'Inventario C alle pp. 486-495).

Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI p. 229 (Gian Francesco Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170-241); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) pp. 124-127, 139, 164, 454, 458, 460, 463-473, 482-483; Menestò Codici datati (1981) p. 325; Melani Mss. Biblioteca di Arezzo (1989) p. 251; Mss. med. AR (2003) p. 97 scheda 99, tav. LVI; Licciardello, Scuola (2005) p. 44; RICABIM I. Toscana (2009) vol. 2009 p. 9 nr. 24

U.C. I, ff. 1-19
datato
a. 1406 giugno 28
Note datazione vd. Storia del ms.

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (a. 1406)
membr.
ff. 19; è presente un'ulteriore numerazione moderna a penna sul margine superiore, che numera 1-15; fascicoli 1-2 (8), 3 (3): il fasc. 3 è costituito di tre fogli singoli; al f. 8v, margine inferiore, traccia del richiamo
dimensioni: 202 × 145; specchio di scrittura: 25 [155] 22 × 20 [115] 10; rr. 2/ll. 25

scritture e mani bastarda;



Colophon
Al f. 1r: Incipit adventarium omnium bonorum Sacre Heremi Camaldulensis mobilium, factum per dompnum Martinum de Asisio, maiorem dicte Sacre Heremi, dompnum Franciscum de Puppio, dompnum Micchaelem de Monterchio, heremitas prefate Heremi factum, compilatum et scriptum anno Domini M CCCC° VI die XXVIII mensis iunii quarta decima indictionis.
Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV-XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in.-XX med.)
Nomi Michael de Montechio eremita OSBCam (post 1380), copista (?) (a. 1406); Franciscus de Puppio eremita OSBCam (fl. XV), collegamento non precisabile (a. 1406); Martinus de Asisio eremita OSBCam (fl. XV), collegamento non precisabile (a. 1406)
Storia del manoscritto
La stesura del testo sembra attribuibile, sulla base della formula incipitaria, a Michele da Montecchio.
Al f. 1r, margine superiore, (sec. XVIII): 1406 iunii.

Inventarium librorum Camaldulensis Heremi [Inventarium A, a. 1406 ], ff. 1r-18r

U.C. II, ff. 20-198 sec. XVII data stimata
cart.


Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII-XVIII in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XVIII in.-XX med.)
Storia del manoscritto
Al f. 20r (sec. XVII): Indice delli libri del Sacro Eremo del Sacro Eremo di Camaldoli. In basso di mano del Gamurrini: Probabilmente compilato nel 1637. G.F.G. bibliotecario (an. 1896).
Al f. 185r compaiono le date 1633 e 1693.

Inventarium librorum Camaldulensis Heremi [Inventarium B, sec. XVII ultimo quarto], ff. 20r-173r

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCA 337, sez. I, f. 1r
Arezzo, BCA 337, sez. I, f. 2r

Responsabile scheda: SISMEL Sez. paleografica

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC
MEL
RICABIM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-337-manoscript/25158



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 337

Composito


membr. e cart.
ff. I, 198; numerazione recente a matita; il f. I è cartaceo moderno (sec. XVIII);
dimensioni: 202 × 145.


Legatura moderna (sec. XVIII), in cartone rivestito di pergamena.

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam; Arezzo, Fraternita dei Laici
Storia del manoscritto
Sul dorso (sec. XVIII): 1406. Inventario de' beni del Sacro Eremo. Indice de' libri del Sacro Eremo.
Al f. Iv segnatura moderna (sec. XVIII): 35.
Il manoscritto è costituito di due unità codicologiche, corrispondenti ai ff. 1-19 (inventario datato 1406) e 20-198 (inventario del sec. XVII, post 1637, indicazione cronologica più tarda rintracciata nei lemmi bibliografici). Al f. 20r annotazione di mano del bibliotecario Gian Francesco Gamurrini (sec. XIX ex.): Probabilmente compilato nel 1637. G.F.G. bibliotecario.
Il manoscritto contiene nel suo nucleo più antico (sez. I), l'inventario dell'anno 1406, indicato nella bibliografia come Inventario A; nella sez. II l'inventario del sec. XVII, indicato come Inventario B, nel quale i manoscritti compaiono, dopo gli stampati, alla classe 'omega'.
Tanto A che B sono pubblicati in Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca e cultura (cfr. in bibl.). 
Per una descrizione ulteriori notizie vd. la scheda offerta dalla banca dati ABC.

Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI p. 229 (Gian Francesco Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170-241); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) pp. 124-127, 139, 164, 454, 458, 460, 463-473, 482-483; Menestò Codici datati (1981) p. 325; Melani Mss. Biblioteca di Arezzo (1989) p. 251; Mss. med. AR (2003) p. 97 scheda 99, tav. LVI; Licciardello, Scuola (2005) p. 44; RICABIM I. Toscana (2009) vol. 2009 p. 9 nr. 24

U.C. I (ff. 1-19)
datato
a. 1406 giugno 28
Note datazione vd. Storia del ms.

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (a. 1406)
membr.
ff. 19; è presente un'ulteriore numerazione moderna a penna sul margine superiore, che numera 1-15; fascicoli 1-2 (8), 3 (3): il fasc. 3 è costituito di tre fogli singoli; al f. 8v, margine inferiore, traccia del richiamo
dimensioni: 202 × 145; specchio di scrittura: 25 [155] 22 × 20 [115] 10; rr. 2/ll. 25.


Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV-XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in.-XX med.)
Nomi Michael de Montechio eremita OSBCam (post 1380), copista (?) (a. 1406)
Storia del manoscritto
La stesura del testo sembra attribuibile, sulla base della formula incipitaria, a Michele da Montecchio.
Al f. 1r, margine superiore, (sec. XVIII): 1406 iunii.

Inventarium librorum Camaldulensis Heremi [Inventarium A, a. 1406 ], ff. 1r-18r

U.C. II (ff. 20-198) sec. XVII data stimata
cart.


Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII-XVIII in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XVIII in.-XX med.)
Storia del manoscritto
Al f. 20r (sec. XVII): Indice delli libri del Sacro Eremo del Sacro Eremo di Camaldoli. In basso di mano del Gamurrini: Probabilmente compilato nel 1637. G.F.G. bibliotecario (an. 1896).
Al f. 185r compaiono le date 1633 e 1693.

Inventarium librorum Camaldulensis Heremi [Inventarium B, sec. XVII ultimo quarto], ff. 20r-180v

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCA 337, sez. I, f. 1r
Arezzo, BCA 337, sez. I, f. 2r

Responsabile scheda: CODEX

Scheda derivata da: ABC

Altri progetti collegati:
CODEX

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-337-manoscript/213357



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 350

sec. XV terzo quarto data stimata
Note datazione 1468 ca. (vd. Storia)

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV terzo quarto)
cart.
ff. II, 181, II'; numerazione recente a matita sul margine destro inferiore; fogli di guardia cartacei recenti di restauro; fascicoli 1-11 (10), 12 (12), 13-17 (10), 18 (9): il fasc. 18 è un quinterno mancante dell'ottavo foglio; il f. 181 presenta al verso tracce del distacco dal contropiatto posteriore della legatura antica
dimensioni: 284 x 202; specchio di scrittura: 35 [170] 79 x 28 [114] 60; rr. 15 / ll. 15

scritture e mani littera textualis;
note generali sulla scrittura: mano dell'eremita camaldolese Piero di Alamannia che ha esemplato parecchi altri manoscritti in una scrittura fortemente individuante: una rigida e quasi disegnata littera textualis di grande modulo e di qualità tecnica scadente


Iniziali decorate: iniziali semplici con limitati elementi decorativi di modesta fattura
rubricato


Legatura di restauro

Sottoscritto / Colophon
Al f. 179r: Chi leggerà questo libro si prieghi a Dio per meriti del beato Giovanni Colombini per me peccatore frate Piero de Alemania [de Alemania: aggiunto, sec. XVI] rinchiuso nella cella di Sancto Bartolomeo. Che Iesu Cristo mi conceda [corretto su concede] a megliorare la vita mia con buona [corretto su buono] perfecta humilità et carità Amen. 1468 [1468: aggiunto, sec. XVI]
Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV. 2 - XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in.- XX med.)
Nomi Piero di Alamannia OSBCam (fl. XV), copista (sec. XV terzo quarto)
Precedenti segnature omega 178, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ex.); O.II-7, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ultimo quarto)
Storia del manoscritto
Dei tanti manoscritti vergati da questo copista solo il presente reca una data, 1468, del tutto compatibile con i manufatti ma aggiunta a margine da altra mano; pertanto non lo riteniamo datato ad annum.
A Piero di Alamannia (da non  confondersi con un confratello Petrus, coevo e ugualmente attivo come copista a Camaldoli) si devono i seguenti manoscritti: Camaldoli, Biblioteca dell'Eremo 121, 122, 148; Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 350, 364, 387; Poppi, Biblioteca Rilliana 139; Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conv. Soppr. C.3.444, F.5.300 e G.6.129.
Al f. 1r, margine inferiore, nota di possesso dell'Eremo di Camaldoli (sec. XV ex.): Questo libro si è dell'Hermo di Camaldoli. Sempre al f. 1r, margine superiore, altra nota di possesso con segnature moderne corrispondenti all'inventario B (sec. XVII ultimo quarto) e  C (sec. XVII ex.): Sacrae Eremi Camalduli I(nscript).  C(at). omega.178 (depennata) O.II-7 (cfr.: Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca e cultura).
A f. 1r a matita il numero inventariale: 407.

Venerabile e santa vita del beato Giovanni Colombini, Feo Belcari, ff. 1r-50v

santi


Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI p. 231 (F. Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170-241); Chiarini, Feo Belcari (1904) (fonte); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) pp. 473 nr. 178, 487 nr. 7 (ms. non identificato); Menestò Codici datati (1981) p. 326 e tav. 6; Mss. med. AR (2003) pp. 59-60 scheda 50, tav. LXIV

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCAr 350 f. 1r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 350, f. 179r (da CODEX)

Responsabile scheda: CODEX

Scheda derivata da: MEL

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-350-manoscript/171572



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 355

sec. XIV primo quarto; post 1398
Note datazione post. 1398 il duerno corrispondente ai ff. 34-37

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (?) (sec. XIV primo quarto)
membr.
ff. I, 63; numerazione recente estesa al foglio di guardia, numerato 1.; fascicoli 1-4(8), 5(4), 6(8), 7(7), 8(9), 9(3): il fasc. 5, ff. 34-37, è costituito da un duerno aggiunto agli inizi del sec. XV (dopo 1398); aggiunta ancora leggermente successiva risultano  i tre fogli finali
dimensioni: 250 x 180; specchio di scrittura: 16 [188] 46 x 20 [60 (10) 58] 32; rr. 38/ ll. 37

scritture e mani littera textualis;
note generali sulla scrittura: due mani diverse, di buona competenza grafica, per i ff. 2-33 e 38-61; in scrittura notarile regolare e di buona qualità il testo ai ff. 35ra-vb. Varie altre aggiunte estemporanee e qualitativamente diverse


Presenza di note
Aggiunte pertinenti (es f. 10r al cap. generale del 1494) e riscritture (es. f. 14rb)

decorato
Iniziali filigranate
rubricato


Legatura cuoio su assi (sec. XV-XVI), perse le parti metalliche (4 borchie agli angoli, 1 centrale per asse), e un fermaglio con relativa bindella.

Ente possessore Arezzo, Fraternita dei Laici (s.d. XIX in - XX med.); Camaldoli (Arezzo), Monastero OSBCam (s.d. XIV in. - XIX in.)
Storia del manoscritto
Al f. 65r-v prove di penna (sec. XIV-XV).Sul dorso cartellino cart. (sec. XV): MS. Rubricae Div(inorum) Offi(iorum) Ord(inis) Cam(aldulensis) a beato Martino priore Sacre Heremi editae.
Al f. 1r elenco dei Profeti minori, a f. 1v computo per il numero aureo (add. sec. XV).
Al f. 1r (sec. XVII-XVIII): Annus et scriptoris nomen desunt.
Sul contropiatto anteriore cartellino cartaceo con contenuto (sec. XVIII): Rubricae Divinorum Officiorum Ord(inis) Camal(dulensis) a beato MartinoSacre Heremi priore aeditae sub anno Domini 1253 e segnatura moderna (sec. XX): 18.

Vetus ordo divinorum officiorum [libri duo, compilati in heremo Camaldulensi, in generali capitulo a. 1253], Martinus Ordinis Camaldulensis praepositus generalis sedit 1248-1259, m. 13-9-1259, ff. 2ra-33vb
proprium de tempore
Acta Camaldulensis Ordinis, ff. 35ra-35vb: Litterae patentes prioris Hieronymi Lapi
Vetus ordo divinorum officiorum [libri duo, compilati in heremo Camaldulensi, in generali capitulo a. 1253], Martinus Ordinis Camaldulensis praepositus generalis sedit 1248-1259, m. 13-9-1259, ff. 38ra-61rb
proprium sanctorum
Lectiones sancti Evangelii, ff. 62ra-64va

Bibliografia Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca pp. 249 e 481 nr. 80; Mazzatinti Inventari (1890) vol. VI: Gamurrini, Arezzo. Fraternita di Santa Maria p. 231; Mss. med. AR (2003) pp. 61-62 nr. 53; Licciardello De moribus (2013) pp. 29n, 30n., 53n.

Note Per quanto apparentemente omogeneo le due sezioni originarie del manoscritto (ff. 2-33 e 38-61)  possono sollevare problemi di unitarietà: la veste testuale del lb. I dell'Ordo di Martino III (ff. 1-33) è diversamente perfezionata rispetto al Lb.II (ff. 38-61). La risistemazione avvenuta agli inizi del '400 con l'inserimento di un duerno (ff. 34-37) e l'aggiunta di alcuni fogli finali  impedisce di valutare l'effettiva fisionomia del corpus all'origine

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCA, 355 f. 38r
Arezzo, BCA, 355, f. 2v
Arezzo, BCA, 355, f. 34r

Responsabile scheda: CODEX

Scheda derivata da: CALMA

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-355-manoscript/180140



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 355

sec. XIV primo quarto data stimata; post 1398
Note datazione post. 1398 il duerno corrispondente ai ff. 34-37

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (?) (sec. XIV primo quarto)
membr.
ff. I, 63; numerazione recente estesa al foglio di guardia, numerato 1.; fascicoli 1-4(8), 5(4), 6(8), 7(7), 8(9), 9(3): il fasc. 5, ff. 34-37, è costituito da un duerno aggiunto agli inizi del sec. XV (dopo 1398); aggiunta ancora leggermente successiva risultano  i tre fogli finali
dimensioni: 250 x 180; specchio di scrittura: 16 [188] 46 x 20 [60 (10) 58] 32; rr. 38/ ll. 37

scritture e mani littera textualis;
note generali sulla scrittura: due mani diverse, di buona competenza grafica, per i ff. 2-33 e 38-61; in scrittura notarile regolare e di buona qualità il testo ai ff. 35ra-vb. Varie altre aggiunte estemporanee e qualitativamente diverse


Presenza di note
Aggiunte pertinenti (es f. 10r al cap. generale del 1494) e riscritture (es. f. 14rb)

decorato
Iniziali filigranate
rubricato


Legatura cuoio su assi (sec. XV-XVI), perse le parti metalliche (4 borchie agli angoli, 1 centrale per asse), e un fermaglio con relativa bindella.

Ente possessore Arezzo, Fraternita dei Laici (s.d. XIX in - XX med.); Camaldoli (Arezzo), Monastero OSBCam (s.d. XIV in. - XIX in.)
Storia del manoscritto
Al f. 65r-v prove di penna (sec. XIV-XV).Sul dorso cartellino cart. (sec. XV): MS. Rubricae Div(inorum) Offi(iorum) Ord(inis) Cam(aldulensis) a beato Martino priore Sacre Heremi editae.
Al f. 1r elenco dei Profeti minori, a f. 1v computo per il numero aureo (add. sec. XV).
Al f. 1r (sec. XVII-XVIII): Annus et scriptoris nomen desunt.
Sul contropiatto anteriore cartellino cartaceo con contenuto (sec. XVIII): Rubricae Divinorum Officiorum Ord(inis) Camal(dulensis) a beato MartinoSacre Heremi priore aeditae sub anno Domini 1253 e segnatura moderna (sec. XX): 18.

Vetus ordo divinorum officiorum [libri duo, compilati in heremo Camaldulensi, in generali capitulo a. 1253], Martinus Ordinis Camaldulensis praepositus generalis sedit 1248-1259, m. 13-9-1259, ff. 2ra-33vb
proprium de tempore
Acta Camaldulensis Ordinis, ff. 35ra-35vb: Litterae patentes prioris Hieronymi Lapi
Vetus ordo divinorum officiorum [libri duo, compilati in heremo Camaldulensi, in generali capitulo a. 1253], Martinus Ordinis Camaldulensis praepositus generalis sedit 1248-1259, m. 13-9-1259, ff. 38ra-61rb
proprium sanctorum
Lectiones sancti Evangelii, ff. 62ra-64va

Bibliografia Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca pp. 249 e 481 nr. 80; Mazzatinti Inventari (1890) vol. VI: Gamurrini, Arezzo. Fraternita di Santa Maria p. 231; Mss. med. AR (2003) pp. 61-62 nr. 53; Licciardello De moribus (2013) pp. 29n, 30n., 53n.

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCAr 355, f. 2v
Arezzo, BCAr 355, f. 34r
Arezzo, BCAr 355 f. 38r

Responsabile scheda: CODEX

Scheda derivata da: ABC

Altri progetti collegati:
CODEX

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-355-manoscript/213426



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 364

sec. XV med. data stimata
Note datazione L'arco di databilità è condizionato dall'attribuzione del manoscritto a Piero di Alamannia.

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV med.)
membr.
ff. 176, I'; la numerazione recente a matita numera 177 il foglio di guardia posteriore e 178 la controguardia posteriore; la numerazione moderna a penna numera 1-163 ad iniziare dal f. 13; fascicoli 1 (12), 2 (10), 3 - 4 (8), 5 - 10 (6), 11 - 17 (8), 18 (6), 19 (12), 20 - 21 (10), 22 (8): il fasc. 22 è un quinterno mancante degli ultimi due fogli.
dimensioni: 263 x 188; specchio di scrittura: 23 [180] 60 × 25 [123] 40; rr. 20/ll. 20.

decorato
Iniziali semplici
rubricato


Legatura moderna (sec. XVI) in cuoio su assi con impressioni a secco.
Stato di conservazione Presenza di macchie; il margine inferiore del f. 7 è stato tagliato.

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV. 2 - XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in - XX med.)
Nomi Piero di Alamannia OSBCam (fl. XV), copista (sec. XV med.)
Precedenti segnature omega 96, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ultimo quarto)
Storia del manoscritto
Al f. 176v sono aggiunte varie annotazioni, invocazioni e preghiere di mano diversa, con una diversa aggiunta datazione contestuale: A dì 28 di giugno 1489.
Sul f. 1v, appartenente al fascicolo iniziale ma bianco, sono state aggiunte due preghiere in scrittura bastarda tedesca; non è da escludere, nonostante la completa differenza grafica, che l'aggiunta sia del copista stesso identificabile con Piero recluso da Alemannia ((vd. in calce).
Al f. 2r nota di possesso dell'Eremo di Camaldoli con segnatura moderna corrispondente all'inventario B (sec. XVII ultimo quarto): Sacrae Eremi Camalduli I(nscript). C(at). w.96.
Il codice, sicuramente dall'origine all'eremo, è identificabile solo nell'inventario B (vd. Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca, p. 469 nr. 96; manoscritto non identificato).
Il f. 177, originariamente parte di un bifoglio con primo foglio attualmente dimidiato, proviene da un registro di conti del monastero di Camaldoli (sec. XV).

A Piero di Alamannia (da non  confondersi con un confratello Petrus, coevo e ugualmente attivo come copista a Camaldoli) si devono i seguenti manoscritti: Camaldoli, Biblioteca dell'Eremo 121, 122, 148; Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 350, 364, 387; Poppi, Biblioteca Rilliana 139; Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conv. Soppr. C.3.444, F.5.300 e G.6.129, tutti qui presenti in catalogo

Psalterium - Hymnarium, ff. 2r-176v

Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI p. 232 (Gian Francesco Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170-241); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) (fonte); Iter Liturgicum Italicum (1999) p. 10; Mss. med. AR (2003) p. 21, pp. 63-64 scheda 56, tav. LXXIV, p. 132

Spoglio inventariale
Camaldoli (Arezzo) - Eremo. [Inventario B]96- Psalterium secundum Ordinem Camaldulensem. in 4to.

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCAr 364, f. 1r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 364, f. 11r (da CODEX)

Responsabile scheda: CODEX

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC
MEL
MEM
RICABIM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-364-manoscript/25161



Descrizione diretta

Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 387

sec. XV. 2 data stimata
Note datazione L'arco di databilità è condizionato dall'attribuzione del manoscritto a Piero di Alamannia.

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV. 2)
membr.
ff. IV, 248, IV'; ff. numerati 3-250 in quanto la numerazione recente a matita è estesa ai ff. III-IV e I'-III' (numerati 251-253); la numerazione antica a penna non calcola il calendario iniziale. Una mano moderna ha numerato a matita I-XI i ff. 3-13 e 237 il f. 250; i ff. I-II e III'-IV' sono cartacei recenti di restauro; i ff. III-IV (numerati 1-2) e I'-II' (numerati 251-252) sono membranacei antichi di recupero e provengono da un manoscritto del sec. XI: contengono frammenti delle Homiliae XL in Evangelia di Gregorio Magno; fascicoli 1 (11), 2 - 15 (10), 16 (8), 17 - 24 (10), 25 (9): il fasc. 1 è un quinterno mancante del nono foglio; il fasc. 25 è un quinterno mancante dell'ultimo foglio.
dimensioni: 352 x 245; specchio di scrittura: 28 [250] 74 x 33 [160] 52; rr. 20/ll. 20.

note generali sulla scrittura: mano del copista e eremita Piero di Alamannia (attr.)


aggiunte, anche musicate, successive

decorato
Iniziali semplici; Iniziali filigranate: segnalibri ai margini.
rubricato

Notazione musicale

Legatura di restauro con recupero dei piatti in cuoio impresso della coperta antica (sec. XVI).

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XV. 2 - XIX in.); Arezzo, Fraternita dei Laici (sec. XIX in. - XX med.)
Nomi Piero di Alamannia OSBCam (fl. XV), copista (sec. XV. 2)
Precedenti segnature omega 116, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ultimo quarto); Q.V-5, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XVII ex.)
Storia del manoscritto
A f. 3r nota di possesso (sec. XV ex.): Hoc psalterium est Heremi Camaldulensis; al margine superiore altra successiva nota di possesso dell'Eremo di Camaldoli e le segnature corrispondenti all'inventario B e al catalogo C: Sacrae Eremi Camalduli I(nscript). C(at). w.116 (depennata); Q.V-5.
Il codice è rintracciabile nell'inventario B e nel catalogo C (vd. Magheri-Fossa, Biblioteca, p. 470 nr. 116 e p. 495 nr. 5; manoscritto non identificato).
Sul margine superiore del verso dei fogli è presente una numerazione (sec. XVI), che va da 185 a 266, di incerto significato.
Baroffio avanza l'ipotesi che questo manoscritto sia una copia fedele dal ms. 310 (scheda nr. 31; vd. Baroffio, Segno e musica, in bibl.); la corrispondenza è infatti pressoché totale fino al f. 209 del ms. 387 (porzione in pratica corrispondente a tutto il ms. 310).

A Piero di Alamannia (da non  confondersi con un confratello Petrus, coevo e ugualmente attivo come copista a Camaldoli) si devono i seguenti manoscritti: Camaldoli, Biblioteca dell'Eremo 121, 122, 148; Arezzo, Biblioteca Città di Arezzo 350, 364, 387; Poppi, Biblioteca Rilliana 139; Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conv. Soppr. C.3.444, F.5.300 e G.6.129, tutti qui presenti in catalogo

Kalendarium, ff. 3r-13v
Psalterium liturgicum, ff. 14r-173r
Hymnarium, ff. 173v-250r

Bibliografia Mazzatinti Inventari (1896) vol. VI pp. 235-236 (Gian Francesco Gamurrini, Arezzo. Biblioteca della Fraternita di Santa Maria della Misericordia, pp. 170-241); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) (fonte); Iter Liturgicum Italicum (1999) p. 10; Baroffio Segno e musica (2000) p. 55 nr. 12, p. 56, tav. 12; Mss. med. AR (2003) p. 21, pp. 66-67 scheda 61, tav. LXXIX, p. 132; Licciardello Lineamenti (2004) p. 30

Spoglio inventariale
Camaldoli (Arezzo) - Eremo. [Inventario B]116- Psalterium antiquum. in f°.
Camaldoli (Arezzo) - Eremo. [Inventario C]5- [Q.V] Psalterium antiqum S. Eremi Camaldulensis.

Risorse esterne collegate
Arezzo, BCAr 387, f. 2r (da CODEX)
Arezzo, BCAr 387, f. 138r (da CODEX)

Responsabile scheda: CODEX

Schede derivate:
CODEX

Altri progetti collegati:
ABC
MEL
MEM
RICABIM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/arezzo-biblioteca-città-di-arezzo-387-manoscript/40533



Descrizione diretta

Camaldoli (Arezzo), Monastero di Camaldoli. Biblioteca 42

sec. XIV in. data stimata; sec. XIV med.
Note datazione il nucleo principale (fasc. 1-13) è cronologicamente legato al 1299, anno delle Costituzioni del priore David; i tre fascicoli successivi sono di graduale ampliamento.

Luogo di copia Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (sec. XIV. 1)
membr.
ff. I, 141; numerazione antica in cifre arabe nel margine destro superiore; il f. finale dell'ultimo fascicolo è incollato al contropiatto.; fascicoli 1-4 (10), 5-6 (8), 7-13 (10), 14 (2), 15 (10), 16 (4): i fasc. 14, 15 e 16 sono un  graduale ampliamento
dimensioni: 197 x 135; specchio di scrittura: 21 [127] 49 x 18 [43(8)42] 24; rr. 24/ll. 23

scritture e mani littera textualis;
note generali sulla scrittura: unica mano per il nucleo originario (ff. 1-126) in scrittura chiara, di modulo piuttosto sostenuto, con scarsa osservanza della fusione di curve contrapposte, limitato sviluppo delle aste sopra e sotto il rigo, d tonda mantenuta in pratica all'altezza dei corpi: la mano è collocabile a ridosso dell'arco cronologico delimitato dai testi a lei attribuiti (nnr. 1-5). Una seconda mano (B: ff. 126vb-127rb, testo nr. 6) ed una terza (C: ff. 129r-141v, testo nr. 8) proseguono la silloge rimanendo sempre all'interno della prima metà del sec. XIV. Inserimenti leggermente successivi, ma ancora trecenteschi, sono i testi nnr. 7 e 9; più tarda la mano che rivedete tutto il manoscritto (vd. infra a Note su glossa)


Presenza di correzioni
Una mano del sec. XV rivede tutto il testo (vd. in part. testo nr. 2)  e inserisce a f. Iv e ai ff. 40r-v un elenco di tassazioni di alcuni monasteri ed un elenco della disposizione degli abati, priori, procuratori e monache.


decorato
Iniziali filigranate; Iniziali decorate
rubricato


Legatura  antica con restauro moderno, danneggiata dall'asportazione delle parti metalliche.

Ente possessore Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (post XIV)
Precedenti segnature ccxc, Camaldoli (Arezzo), Eremo OSBCam (a. 1406)
Storia del manoscritto
Una mano settecentesca ha annotato in più luoghi riferimenti agli originali di archivio correlati (ff. 1r e 42r: 1253. Statutum n. 5 Armario 3 Archivii Camalduli; f. 102v: 1279. Statutum n. 11 Armario 8 Archivii Camalduli; a f. 115v: 1271. Statutum n. 9 Armario 3 Archivii Camalduli.
A f. Ir nel margine superiore destro segnatura recente, che non ha avuto seguito, ad inchiostro blu: 94.
Il lemma è identificabile nell'inventario A (vd. Magheri-Fossa, Biblioteca, pp. 245-246 nr. 285). La segnatura a f. 1r è stata erasa e si distingue solo S(acrae) E(remi) C(am). Q (doveva probabilmente seguire la segnatura corrispondente all'inventario C).

Regula, Benedictus Casinensis abbas n. 480 ca., m. post 547, ff. 1ra-39vb
Constitutiones Camaldulensis ordinis de moribus, Martinus Ordinis Camaldulensis praepositus generalis sedit 1248-1259, m. 13-9-1259, ff. 42rb-102rb
Constitutiones a. 1279, Gerhardus I Camaldulensis prior sedit 1274-1291, ff. 102va-115vb
Constitutiones a. 1271, Octavianus Ubaldinus n. post 1210, m. 1273, ff. 115vb-122va
Constitutiones a. 1299, David Camaldulensis prior OSBCam v. 1298-1301, ff. 122va-126vb
Acta Capituli Generalis Senensis a. 1293, Fridianus Camaldulensis prior OSBCam v. 1291, m. 2-11-1297, ff. 126vb-127rb
Acta Capituli Generalis Sanctae Mariae de Puppiena a. 1308, Accursius Camaldulensis prior OSBCam v. 1308, m. 31-5-1315, f. 127v
Liber V de moribus, Bonaventura Camaldulensis prior OSBCam v. 1315, m. 1348, ff. 129ra-141ra
Acta Capituli Generalis a. 1351, Iohannes Abbarbagliati n. saec. XIII ex., m. 1386, f. 141ra-vb

Bibliografia Annales OSBCam (1758) (fonte); Penco Regula (1958) (fonte); Magheri Cataluccio-Fossa, Biblioteca (1979) (fonte); Guerrieri Clavis (2012) pp. 3. 70, 71, 80, 89; Licciardello De moribus (2013) pp. 9N, 49-50, 56, 62, 77-78, 83-84, 317-34; Dall'Eremo all'Europa (2013) p. 95

Spoglio inventariale
Camaldoli (Arezzo) - Eremo OSBCam. [Inventario A]285- ccxc. Item Regula sancti Benedecti cum constitutionibus ordinis, et Regula heremiticha et consuetudine divini offitii que incipit: 'Asculta, o fili', et finit: 'in culpa ponatur' in cartis pecudinis tabulis et corio albo.

Note Il manoscritto offre un nucleo originario, costituito dai ff. 1r-126v (fasc. 1-13, che riuniscono in corpus la Regola e le Costituzioni più antiche fino a quella del priore David del 1299) e aggiunte successive (ff. 129r-141v) previste dalla stessa natura documentaria del corpus (infatti a f. 126r, termine del nucleo originario, il copista ha delineato a penna il sottile ed elegante cartiglio per il richiamo, rimasto in bianco). Se il luogo di scrittura è sicuramente Camaldoli, meno certa la connotazione dei vari scriptores che si succedono nel tempo, che potrebbero essere sia notai al servizio del monastero che mani interne.

Risorse esterne collegate
Camaldoli, BCam 42, f. 1r (da CODEX)
Camaldoli, BCam 42, f. 122v (da CODEX)
Camaldoli, BCam 42, f. 129r (da CODEX)
Camaldoli, BCam 42, f. 139r (da CODEX)

Responsabile scheda: CODEX

Schede derivate:
CODEX
MEL

Altri progetti collegati:
ABC
RICABIM

Permalink: http://www.mirabileweb.it/manuscript/camaldoli-(arezzo)-monastero-di-camaldoli-bibliote-manoscript/126547

Trovati 42 records. Pagina 1 di 512345

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

Se disabiliti questi cookies non sarai in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che tutte le volte che visualizzi www.mirabileweb.it dovrai impostare nuovamente le impostazioni cookies. (Non consigliato)

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy