Si informano i lettori che dal 19 settembre 2018 Mirabile funziona su un motore di ricerca più avanzato e open source, che consente una maggiore efficienza delle funzionalità offerte e l'implementazione di nuove in un prossimo futuro.
La fase di testaggio della nuova infrastruttura è stata condotta dalla redazione dell'Archivio Integrato per il Medioevo (AIM).
A fronte di malfunzionamenti inattesi, che potrebbero verificarsi a proposito di domande complesse, il lettore è pregato di segnalarlo alla redazione, utilizzando il seguente indirizzo redazione@mirabileweb.it. E noi lo ringraziamo di questa collaborazione.

MIRABILE

Archivio digitale della cultura medievale
Digital Archives for Medieval Culture

Epitaphium Senecae in CODEX
Epitaphium Senecae
Trovati 4 records. Pagina 1 di 11
Responsabile descrizione interna CODEX

Cortona (Arezzo), Biblioteca Comunale e dell'Accademia Etrusca, 81

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

parzialmente datato sec. XIII ultimo quarto data stimata; a. 1483
: vd. colophon e la storia del ms.
membr.
ff. I, 223, ff. numerati 2-224: numerazione antica a penna nel margine destro superiore che numera in modo discontinuo e inesatto (alla fine c'è un salto di quattro fogli rispetto alla numerazione recente) e numerazione recente a matita nel margine destro inferiore che numera 1 il foglio di guardia anteriore; il foglio di guardia anteriore è cartaceo moderno, numerato 1; fascicoli 1 (10), 2 (9), 3 (12), 4 (9), 5-9 (12), 10 (5), 11 (6), 12-14 (12), 15 (13), 16 (12), 17-21 (10), 22 (1): il fasc. 2 è un quaterno con il sesto foglio aggiunto; il fasc. 4 è un quaterno con l'ultimo foglio tagliato e sostituito con due fogli; il fasc. 10 è un duerno con l'ultimo foglio aggiunto; il fasc. 11 è aggiunta del sec. XV; il fasc. 15 è un sesterno con il sesto foglio aggiunto; il fasc. 22 è costituito da un foglio singolo;
Dimensioni: 300 × 212; specchio di scrittura: 8/4/13 [214] 26/4/31 × 5/4/19 [60 (14) 60] 27/4/19 (ff. 4r-172v);   35 [208] 57 × 25 [60 (12) 60] 53 (ff. 173r-224r); rr. 43/ll. 42 (variabili; ff. 4r-172v);  rr.

Decorato
Iniziali semplici; Iniziali filigranate; Iniziali decorate: iniziali decorate ai ff. 4ra, 9va, 10vb, 12rb, 16va, 19vb, 21ra, 23ra, 25rb, 27vb, 29rb, 33ra, 36vb, 42ra, 44vb, 53va, 62va, 70va, 79rb, 86va, 97rb, 102vb, 104ra, 105ra, 113ra
Rubricato

Legatura di restauro (a. 1974) con recupero delle coperte

Colophon
A f. 224rb: Expliciunt epistole Annei Senece ad Lucilium amicum suum misse et summam phylosophiam moralem continentes scripte Florentie anno Domini M° CCCC° LXXXIII°.
Ente possessore Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM (sec. XV. 2 - XIX in.)
Nomi Bibliotecario quattrocentesco di Santa Margherita OFMObs, organizzatore (sec. XV. 2)
Storia del manoscritto Il manoscritto, unitario non omogeneo, presenta una parte originaria, assegnabile al sec. XIII ultimo quarto, nella quale si distinguono più mani non italiane (francesi). Questa parte è complessa ma probabilmente unitaria: le rasure e le riscritture nelle zone di raccordo con gli interventi quattrocenteschi si devono al fatto che sicuramente la compagine originaria si apriva con le Epistolae a Lucilio, spostate poi - nel sec. XV - alla fine e completate. Tutta la zona originaria è accuratamente rivista - con rasure ma anche intarsi di pergamena e riscrittura di parti estese (vedi f. 20) - da mano, forse ancora duecentesca, italiana; questo è confermato dall'apparato decorativo riferibile senz'altro a zona italiana (all'apparenza bolognese). Un forte intervento di rifunzionalizzazione della compagine effettuato nella seconda metà del '400 ha portato all'inserimento del fasc. 11 (ff. 106-111) e dei fasc. 17-22 (ff. 173-224 in parte palinsesti); questo aggiornamento, dovuto ad una mano che si data al 1483 (vd. colophon), interessa tutta la compagine con interventi di revisione diffusi (anche su rasura di parti precedenti). Altri inserimenti, grosso modo sincroni, si devono alla mano del «bibliotecario quattrocentesco» del convento cortonese di S. Margherita (vd. al nome).
A f. 1r due segnature, in alto al centro (sec. XIX): N. 92 e indice del contenuto; in alto a destra (sec. XVIII): [-]2. Bianchi i ff. 2r-3v, ma dotati di rigatura.
Il codice è rintracciabile nell'Inventario ottocentesco del convento di S. Margherita di Cortona al lemma nr. 16 (vd. Nuovo_Codex - Materiali in linea / Cortona anche per la Tavola delle segnature precedenti).
Bibliografia Mancini Manoscritti di Cortona (1884), pp. 45-6; Mazzatinti Inventari (1911), XVIII pp. 41-2; Colophons (1962), VI p. 45 nr. 19268; Munk Olsen, Etude, Catalogue (1985), II; Roncali Apokolocyntosis (1990), pp. X-XI, XVI, XVIII, XXIV; Fohlen Comment fabriquer (1995), pp. 95-106; Fohlen Manuscrits P e b (1995), pp. 144-5; Fohlen Tradition manuscrite (2000), pp. 123 e n. 38, 156; MDI XV (2007), p. 48 scheda 33, tav. 46; Mss. med. Cortona (AR) (2011), pp. 63-4 scheda 81, tavv. C, CI; Stoppacci Libri e copisti (2014), pp. 208, 219, 225; Amerini Codex e la filosofia (2018), p. 8 n. 7

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

numero d'ordine: IX

numero d'ordine: X

numero d'ordine: XI

numero d'ordine: XII

numero d'ordine: XIII

numero d'ordine: XIV

numero d'ordine: XV

XV. f. 102va Epitaphium Senecae
text. inc. Cura labor meritum sumpti pro minime honores
Note
Cfr. Munk Olsen, Étude II, p. 381 nr. 200.

numero d'ordine: XVI

numero d'ordine: XVII

numero d'ordine: XVIII

numero d'ordine: XIX

numero d'ordine: XX

numero d'ordine: XXI

numero d'ordine: XXII

XXII. f. 114ra Epitaphium Senecae
text. inc. Cura labor meritum sumpti pro minime honores
Note
Cfr. Munk Olsen, Étude II, p. 381 nr. 200.

numero d'ordine: XXIII

numero d'ordine: XXIV

numero d'ordine: XXV

Risorse esterne collegate
Cortona (Arezzo), BCAE 81, f. 177r
Cortona (Arezzo), BCAE 81, f. 224r
Cortona (Arezzo), BCAE 81, f. 4r
Cortona (Arezzo), BCAE 81, f. 79r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/cortona-(arezzo)-biblioteca-comunale-e-dell-accade/201913

Responsabile descrizione interna CODEX

Cortona (Arezzo), Biblioteca Comunale e dell'Accademia Etrusca, 207

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni

sec. XV terzo quarto data stimata
cart.
Filigranato
ff. III, 172, V', cartulazione saltuaria moderna; ff. di guardia membranacei di recupero da un documento trecentesco; fascicoli 1 (8), 2-8 (12), 9 (10), 10-14 (12), 15 (10): il fasc. 15 è un sesterno privo degli ultimi due fogli;
Dimensioni: 214 × 146; specchio di scrittura: 25 [142] 47 × 21 [88] 37 (ff. 1-114); 25 [142] 47 × 21 [86] 39 (ff. 116-172); rr. 29/ll. 28 (ff. 1-114); rr. 31/ll. 30 (ff. 116-172).

Rubricato

Legatura moderna.

Ente possessore Cortona (Arezzo), S. Margherita, convento OFM (ca. 1451-1808)
Nomi Evangelista de Cortonio frater OFM, possessore (sec. XV. 2); Bibliotecario quattrocentesco di Santa Margherita OFMObs, bibliotecario (sec. XV. 2)
Storia del manoscritto Nel manoscritto si distinguono due sezioni coeve, di autonomia però incerta in quanto la mano del «bibliotecario quattrocentesco» del convento cortonese di S. Margherita  è rintracciabile in tutta la compagine e non solo come organizzatore. Analoghi procedimenti di composizione, con utilizzo di carta che presenta le stesse filigrane rilevabili in questo ms., sono individuabili nel codice Cortona, BCAE 209.
A f. I'r nota di possesso: Iste liber est ad usum fratris Evangeliste de Cortona (sec. XV. 2); accanto un'altra mano ha aggiunto: 20. V. (sec. XV. 2) A f. II'v computo dei fogli (sec. XVI ex.): Carte 171. A f. 1r segnature precedenti: N. 116 e indice del volume (sec. XIX); Palch. V (sec. XIX).
[Per la Tabella delle precedenti segnature vd. Nuovo_Codex - Materiali in linea / Cortona]
Bibliografia PL; Baehrens Poetae Latini (1883); Mancini Manoscritti di Cortona (1884), pp. 62-3; Mazzatinti Inventari (1911), XVIII pp. 56-7 nr. 126 (207); BHMs (1969), II p. 437 (con erronea indicazione dei fogli); Cenci, Manoscritti francescani (1971), II; Guerrieri Pubblica Biblioteca (1977), p. 154; Fruscoloni Santità e cultura (1979), p. 256; Munk Olsen, Etude, Catalogue (1985), II; Mss. med. Cortona (AR) (2011), pp. 76-7 scheda 103, tavv. CXXVII-CXXVIII; Stoppacci Libri e copisti (2014), pp. 209, 212, 215, 219, 227, 233 n. 53, 55 e 56

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

numero d'ordine: IX

numero d'ordine: X

numero d'ordine: XI

numero d'ordine: XII

numero d'ordine: XIII

numero d'ordine: XIV

numero d'ordine: XV

numero d'ordine: XVI

XVI. f. 148r-v Epitaphium Senecae
text. inc. Cura, labor meritum, sumpti pro munere honores

numero d'ordine: XVII

numero d'ordine: XVIII

numero d'ordine: XIX

Risorse esterne collegate
Cortona (Arezzo), BCAE 205, f. 116r
Cortona (Arezzo), BCAE 207, f. 10r
Cortona (Arezzo), BCAE 207, f. 61r
Cortona (Arezzo), BCAE 207, f. 88r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/cortona-(arezzo)-biblioteca-comunale-e-dell-accade/213802

Responsabile descrizione interna CODEX

Pisa, Biblioteca Cathariniana, 75

Composito

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni


membr.
ff. III, 128, I'
Dimensioni: 220 x 153

Legatura di restauro con recupero di frammenti della legatura precedente, evidentemente anch'essa già restaurata

Ente possessore Pisa, S. Caterina, convento OP (post XIV)
Nomi Dominicus de Peccioli Pisanus, utilizzato da (sec. XIV 2.)
Storia del manoscritto A f. 128v: Epistolae Senecae ad Lucillum nepotem suum (sec. XIV); seguita: Fuerunt bonae memoriae domini v(enerabil)is Maschionis meritissimi
ordinis nostri qui multa bona dimisit conventui
(sec. XIV).
A f. 1r: Liber s(anctae Catharinae) de Pisis (sec. XV).
Secondo la descrizione di Vitelli sul contropiatto anteriore era scritto: Hic liber est conventus s. Catherine de Pisis ordinis fratrum Predicatorum. In mediovolumine iacet Tullius de amicitia. Sul verso di f. I e sul recto di f. I' (moderni) sono incollate le antiche guardie provenienti da un libro liturgico del sec. XII primo quarto con notazione neumatica su tetragramma.
La segnatura continua dei fascicoli non è originaria,: il codice fu assemblato in età antica. Marcucci (in bibl.)  individua tra gli utilizzatori dell'insieme fra Domenico da Peccioli, che lo ebbe sott'occhio (insieme al ms. 67) per il suo commento senechiano.
Bibliografia Pelster, Bibliothek von St. Caterina, p. 266; Vitelli Index codicum latinorum (1900), pp. 371-372; Mazzatinti Inventari (1916), XXIV p. 79; Petrucci Nardelli Fratres (1994), p. 24 n. 7; Fohlen Comment fabriquer (1995), pp. 103, 104-06; Marcucci Lectura Senece (2007), pp. 17-21 in part. (sigla C2)

U.C. I, ff. 1-78 sec. XIII med. data stimata
membr.
ff. 78; fascicoli 1-2( 8), 3-4 (10), 5-6 (8), 7 (10), 8-9 (8): numerazione dei fasc. non originale
Dimensioni: 220 x 153; specchio di scrittura: 13 [162] 45 x 15/5 [97] 5/31; rr. 35 / ll. 35
faccine coeve


Rubricato

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

II. f. 2r Epitaphium Senecae
text. inc. Cura labor meritum sumpti
Note Haase, Senecae quae supersunt, III, 482

numero d'ordine: III

U.C. II, ff. 79-129 sec. XIII. 1 data stimata
membr.
ff. 51; fascicoli 1-5 (8), 6 (10)
Dimensioni: 220 x 153; specchio di scrittura: 3 [162] 45 x 15/5 [97] 5/31: rr. 38 / ll. 38 var.
Disposizione del testo: Il copista tende ad ignorare lo schema di rigatura e invade progressivamente i margini infittendo il numero di linee

numero d'ordine: I

Risorse esterne collegate
Pisa, BCath 75 sez. I, f. 1r
Pisa, BCath 75 sez. I, f. 2v
Pisa, BCath 75 sez. II, f. 127r
Pisa, BCath 75 sez. II, f. 79v

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/pisa-biblioteca-cathariniana-75/203284

Responsabile descrizione interna CODEX

San Domenico (Fiesole, Firenze), Archivio del Convento di San Domenico, 58 ins. 3

Composito

Apri tutte le sezioni / Chiudi tutte le sezioni


cart.
in quarto
ff. 182, numerazione recente a matita sul margine superiore destro
Dimensioni: 305 x 220

Legatura moderna in pergamena floscia con ribalta
Stato di conservazione Lo stato di conservazione è precario: alcuni fogli sono stati rovinati dall'umidità, altri sono staccati

Ente possessore San Domenico di Fiesole (Firenze), S. Domenico, convento OP
Nomi Rosselli famiglia, possessore (sec. XVII)
Storia del manoscritto Il codice, conservato in un raccoglitore insieme ad altri due manoscritti moderni (un quaderno di appunti di Padre Lodovico Ferretti, ins. 1; una storia della famiglia Medici, ins. 2), si compone di quattro sezioni; per ragioni cronologiche e per la loro natura si escludono la I (ff. 1-4), contenente le Memorie della casata Rosselli (sec. XVII), e la IV (ff. 144-182), una filza di carte, in parte sciolte, formata da: istrumenti notarili originali rogati tra il 1616 ed il 1620, contenenti attestati della nobiltà dei vari rami della famiglia Rosselli di Firenze, Arezzo, Città di Castello, Sassoferrato (si segnala la presenza di numerosi sigilli in cera, per lo più sotto carta, in parte deteriorati); mandati e atti di ricognizione; un fascicolo intitolato Memorie della casa Rosselli (diverso da quello della prima unità) all'interno del quale sono inseriti due alberi genealogici della famiglia. Non è dato sapere quando la compagine sia stata allestita nella forma attuale; è verosimile però che le sezioni II e III, che costituiscono il nucleo più antico del volume, siano state unite già prima che avvenisse l'aggregazione con il materiale secentesco: il forte guasto da umidità che interessa gli ultimi fogli della sez. III (ff. 132-143), infatti, non si estende a quella successiva. Il pezzo proviene certamente dall'archivio della famiglia Rosselli, come dichiara l'annotazione recente a matita sulla costola (Rosselli), e, soprattutto, come dimostra il contenuto delle unità escluse: la IV, infatti, conserva la documentazione originale raccolta da Antonio di Filippo Rosselli, incaricato nel 1609 di fare ricognizione e dichiarazione di consorteria e famiglia con i Rosselli che abitavano nelle varie zone d'Italia (cfr. in bibl. Gotti, Ricordanze, pp. 80-1).
Sulla ribalta della legatura, con ogni probabilità di recupero e non pertinente con la compagine, la nota Cosimo Cini da Lucca (sec. XVI), ripetuta due volte.
Il volume è probabilmente frutto di un acquisto sul mercato librario; va però precisato che i Rosselli furono sempre molto legati all'ambiente domenicano (in particolare a San Marco), e fra l'altro, nelle Memorie della sez. IV, si ricorda un contributo che la casata dette nel 1424 per la costruzione della chiesa del Convento fiesolano.

[IL MANOSCRITTO È RISULTATO IRREPERIBILE AD UNA RICOGNIZIONE DEL 2019]
Bibliografia Gotti Ricordanze (1890); Kaeppeli (1980), III

U.C. II (ff. 5-29) sec. XIV. 1 data stimata
cart.
in quarto
ff. 25; fascicoli 1 (8), 2 (3), 3 (14): il fasc. 1 presenta alcuni fogli staccati dalla legatura; il fasc. 2 ha perso almeno un foglio ed i ff. 13-14 sono stati attaccati in ordine inverso; tutti i fascicoli sono stati imbrachettati con pergamena di recupero
Dimensioni: 301 x 220; specchio di scrittura: 28 [220] 53 x 37 [146] 37 (f. 21r); rr. 2/ll. 23 (f. 21r; var.), rigatura a colore; a secco: sono presenti solo le righe di giustificazione marginale, in parte a secco, in parte a colore

Scritture e mani : cancelleresca

Presenza di note
Annotazioni marginali coeve lungo i fogli


Decorato
Iniziali filigranate
Rubricato

Stato di conservazione Alcuni fogli sono distaccati; sono presenti segni di umidità

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

U.C. III (ff. 30-143) sec. XIV med. data stimata; sec. XIV ex. - XV in.
cart.
in quarto
ff. 114; fascicoli 1 (15), 2 (18), 3 (18), 4 (8), 5 (12), 6 (6), 7 (14), 8 (12), 9 (11): il fasc. 1 ha perduto il foglio solidale a f. 42, adesso staccato; l'ultimo foglio del fasc. 4 di aggiunta posteriore è stato reso artificialmente solidiale al primo; il fasc. 9 è un quinione cui è stato aggiunto il foglio iniziale; numerosi fascicoli presentano rinforzi in pergamena di recupero
Dimensioni: 300 x 217 (ff. 30-88); specchio di scrittura: 20 [235] 45 x 25 [72 (10) 66] 34 (ff. 30-88); in certi casi la dimensione dei fogli oscilla di qualche millimetro rispetto alla misura principale, si forniscono in proposito solo alcuni rilevamenti significativi: 25 [242] 42 x 30 [180] 3 (f. 91r); 25 [225] 50 x 52 [160] 52 (f. 99r-v); 25 [228] 52 x 18 [160] 33 (ff. 102r-112v); 30 [220] 45 x 35 [135] 45 (ff. 113r-117r); 15 [215] 75 x 55 [180] 55 (ff. 118r-123r); 30 [136] 135 x 55 [105] 60 (ff. 126r-131v); rr. 39/ll. 39 (ff. 30-88): rigatura solo per i ff. 89-143; la maggior parte dei fogli è priva di rigatura e le righe possono variare tra 30 e 80 circa
Disposizione del testo: l'impaginazione è del tutto irregolare e varia a seconda dei testi e delle mani
Lingua copisti latino; volgare italiano


Rubricato

Stato di conservazione Fortemente danneggiati dall'umidità i ff. 132-143

Storia del manoscritto Tra i ff. 30-88 e 89-143 si verifica uno stacco cronologico abbastanza evidente: mentre la prima parte risulta esemplata da due mani coeve che si alternano databili alla metà del '300, la seconda, trascritta da numerosi copisti, è databile al sec. XIV ex.-XV in.; quest'ultima si configura come un work in progress, un complesso zibaldone formato da fascicoli di diversa provenienza, dove la regolarità codicologica e la compattezza contenutistica della sezione iniziale si perdono completamente. Le due unità, tuttavia, non si possono analizzare separatamente, perché se c'è stata una composizione essa è avvenuta ab antiquo: una delle principali mani che si presenta ai ff. 89-143, infatti, integra, postilla e corregge i testi di Seneca (soprattutto ai ff. 30r-39r, 65r-68r) nella parte precedente, annota f. 81r e soprattutto completa il carteggio apocrifo tra Seneca e san Paolo, aggiungendo il f. 88 (probabilmente ad integrazione di una perdita nell'originale) al fasc. 4; inoltre alcune carte della seconda sezione presentano filigrane analoghe a quelle della prima. A f. 143v si intravedono alcuni passi di una ricetta medica, quasi completamente evanita per caduta di inchiostro.

numero d'ordine: I

numero d'ordine: II

numero d'ordine: III

numero d'ordine: IV

IV. f. 86va Epitaphium Senecae
text. inc. Cura, labor, meritum

numero d'ordine: V

numero d'ordine: VI

numero d'ordine: VII

numero d'ordine: VIII

numero d'ordine: IX

numero d'ordine: X

numero d'ordine: XI

numero d'ordine: XII

numero d'ordine: XIII

numero d'ordine: XIV

numero d'ordine: XV

numero d'ordine: XVI

numero d'ordine: XVII

numero d'ordine: XVIII

numero d'ordine: XIX

numero d'ordine: XX

numero d'ordine: XXI

numero d'ordine: XXII

numero d'ordine: XXIII

numero d'ordine: XXIV

numero d'ordine: XXV

Risorse esterne collegate
Fiesole, Convento di San Domenico 58 ins. 3, sez. II, f. 29v
Fiesole, Convento di San Domenico 58 ins. 3, sez. II, f. 5r
Fiesole, Convento di San Domenico 58 ins. 3, sez. III, f. 30r
Fiesole, Convento di San Domenico 58 ins. 3, sez. III, f. 82r
Fiesole, Convento di San Domenico 58 ins. 3, sez. III, f. 89r

Permalink: http://www.mirabileweb.it/CODEX/san-domenico-(fiesole-firenze)-archivio-del-conven/201466

Trovati 4 records. Pagina 1 di 11

MIRABILE



Impostazioni Privacy



Questo sito Web utilizza i cookie per consentirci di offrire la migliore esperienza utente possibile. Le informazioni sui cookie sono memorizzate nel tuo browser ed eseguono funzioni di riconoscimento quando ritorni sul nostro sito web e aiuta il nostro team a capire quali sezioni del sito web trovi più interessanti e utili. E' possibile regolare tutte le impostazioni dei cookie navigando le schede sul lato sinistro. Per maggiori informazioni consulta la nostra Pagina Privacy visualizzare i nuovi termini.

Cookie strettamente necessari



I Cookie strettamente necessari devono essere abilitati in ogni momento in modo che possiamo salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.

Disabilitato

I cookie tecnici devono essere sempre abilitati per poter usufruire dei servizi di base sel sito web.

Cookie di terze parti



Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.


Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito web.

Disabilitato

Cookie policy



Maggiori informazioni sulla nostra Cookie Policy